Un Vino per il Pesto di Peperoni - BWined
Il Cacc’e Mmitte di Lucera Motta del Lupo di Paolo Petrilli: un ottimo Vino per il Pesto di Peperoni

Un Vino per il Pesto di Peperoni

0

Il protagonista di questo articolo è un ortaggio di stagione per un condimento di gran sapore, a cui conferire un delizioso sprint gustativo in più grazie al vino più adatto in abbinamento. Vi va di conoscere un ottimo Vino per il Pesto di Peperoni?

Preparato di recente e usato come condimento di deliziosi strangozzi, un tipo di pasta fresca fatta solo con acqua, farina 00, farina di semola di grano duro e olio evo, mi ha regalato un pranzo davvero gustoso … anche perché ho assaporato questo pesto di peperoni assieme a un rosso dalla personalità particolare: un Cacc’e mitte di Lucera, di origini tipicamente pugliesi.

Leggete oltre per scoprire com’è e perché è davvero un gran Vino per il Pesto di Peperoni!

Il Cacc’e Mitte di Lucera?

Cacc’è Mmitte di Lucera è il nome di una DOC pugliese, poco conosciuta, racchiusa in soli 3 comuni in provincia di Foggia, che produce vini rossi profumati e particolarmente leggeri, piacevoli e beverini, realizzati a partire da uve di Nero di Troia a altre uve locali, a bacca rossa e bianca, come la Malvasia Nera di Brindisi, il Sangiovese, il Montepulciano, il Bombino Bianco e il Trebbiano Toscano.

Si tratta di vini rossi che si presentano in una tipica tonalità rubino, delicata e trasparente, realizzati con una breve permanenza delle bucce a contatto con il mosto, a voler richiamare l’antica tecnica di produzione da cui questa DOC prende il nome.

Infatti, “Cacc’e Mmitte” in dialetto significa “Togli e Metti” a indicare un processo continuo di ricambio e aggiunta di uve al mosto in fermentazione, per la produzione di questo particolare rosso, figlio di Puglia.

La trasparenza del Cacc'e Mmitte di Lucera Motta del Lupo 2017 di Paolo Petrilli
La trasparenza del Cacc’e Mmitte di Lucera Motta del Lupo 2017 di Paolo Petrilli

Il Cacc’e Mmitte di Lucera Motta del Lupo di Paolo Petrilli: Profumi e Gusto

Il Motta del Lupo 2017 di Paolo Petrilli è un rosso biologico che regala profumi intriganti di petali di rosa, di chicchi di melograno e succo di lamponi, con note vegetali, più vivaci e meno dolci, di menta e basilico, con una squisita e piccantina nota speziata di pepe nero.

All’assaggio, il Motta del Lupo sfoggia un fascino soave ed equilibrato, setoso e leggero al palato, pur mantenendo evidenti le sue buone doti di freschezza e sapidità.

Un gusto in cui ritroviamo la lieve acidità pungente del melograno, subito riaccesa da una persistenza speziata, ricca soprattutto delle attese note pepose.

Il Cacc’e Mmitte di Lucera Motta del Lupo di Paolo Petrilli: un ottimo Vino per il Pesto di Peperoni
Cacc’e Mmitte di Lucera Motta del Lupo 2017 – Paolo Petrilli

Il Cacc’e Mmitte di Lucera Motta del Lupo di Paolo Petrilli: un ottimo Vino per il Pesto di Peperoni

Tendenza dolce, tanta aromaticità e una sfiziosa persistenza gustativa sono le caratteristiche che meglio descrivono la squisitezza di un pesto di peperoni: un condimento dal gusto morbido e tanto tanto profumato, in cui spesso percepiamo anche una leggera tendenza amarognola, data dalla presenza delle mandorle e dei pinoli.

Una nota ammandorlata che viene già stemperata dalla natura stessa della salsa e, ovviamente dalla pasta, sempre alla base di una pietanza condita con un gustoso pesto di peperoni.

Il Vino per il Pesto di Peperoni deve essere bianco, rosso o rosato? Fortunatamente, il  vino in abbinamento può rientrare in tutte e tre le tipologie!

Stavolta è il rosso pugliese Cacc’e Mmitte di Lucera Motta del Lupo di Paolo Petrilli il gustoso partner dei miei strangozzi al pesto di peperoni!

Un vino dal tannino gentile, perfetto per accompagnare la leggera untuosità della salsa, e davvero ideale, per il suo equilibrio tra freschezza e sapidità, nel vivacizzare la tendenza dolce e la grassezza presenti nel piatto, senza estrapolarne le più nascoste sensazioni amare, di frutta secca.

Un rosso, il Motta del Lupo, che ama, per via dei suoi profumi e della sua persistenza aromatica, gli ortaggi profumati e le salse da essi ricavate. Se non volete provarlo accanto a una pasta al pesto di peperoni, assaporatene le potenzialità in abbinamento a una scamorza ai ferri con cipolle caramellate, a una parmigiana di melanzane, a una pasta al sugo di pomodoro e olive nere o a delle gustose, e sfiziosamente pugliesi, polpette di lampascioni.

Un vino che potete trovare facilmente online, come qui ad esempio, all’ottimo prezzo di circa 8 Euro.

Cheers!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.