Vini per Sushi Fusion Archivi - BWined
Abbinamento Vino Sushi – Due succose opzioni

Abbinamento Vino Sushi – Due succose opzioni

Quando si parla di Abbinamento Vino Sushi si apre un mondo altamente godereccio e ricco di numerose possibilità. Questo perché, in una chiave globale, il sushi viene oggi rivisitato in infinite versioni, attraverso appetitose contaminazioni con le tradizioni culinarie con cui s’incontra. Per queste ragioni, è difficile trovare una sola tipologia di vino capace di abbinarsi sempre bene con il sushi … però ci si prova sempre, anche cercando in posti esotici oppure in angoli sotto casa, dotati di fascino.

I vini per il sushi che ti propongo oggi si trovano agli antipodi: da una parte il fascino nostrano di un appetitoso bianco pugliese, caldo e carico di sapore, come solo i vini di questa regione sanno essere, dall’altra un bianco lontanissimo, della Nuova Zelanda, dal carattere succoso ed estivo.

Chi vincerà? Decidilo tu!

Calce Viva 2019– Cantina Placido Volpone

Una Falanghina particolare … sempre ottima accanto a pesce e verdure ma, stavolta, interpretata in una chiave piacevolmente intensa e avvolgente, con un piccolo contributo di uve di Malvasia. Il Calce Viva nasce da grappoli coltivati nell’assolata campagna dell’antica Herdonia, in provincia di Foggia. Un vino con un nome che è stato scelto in omaggio al territorio, a ricordare la tipica opus reticulatum che costituiva la muratura della antiche abitazioni del sito archeologico vicino all’azienda.

Abbinamento vino sushi Calce Viva 2019 - Placido Volpone
Calce Viva 2019 – Placido Volpone

Accogliente ancora prima di essere gustoso, il Calce Viva regala profumi intensi di pesche nettarine, melone, ananas e verbena. Fiori e frutti anche all’assaggio che si rivela deliziosamente persistente, specialmente nel suo caloroso tocco fruttato. Con il suo gusto morbido, percorso da un’evidente sapidità marina e una rinfrescante acidità, è un vino che smorza bene la sensazione di grassezza tipica di un Philadelphia o di un Tempura Roll. Allo stesso modo, quel suo speciale sprint di freschezza e l’eco aromatica estiva sono proprio ciò che serve per impreziosire il semplice sapore di un nigiri al salmone o di un riso venere saltato con gamberi.

Lo puoi trovare online qui, a circa 8 Euro.

Sauvignon Blanc Hans Greyl 2019

Questo Sauvignon Blanc neozelandese, dall’ottimo prezzo, ben incarna la tipicità delle sue uve, coltivate nel terroir costiero di Marlbourough. Un Sauvignon dall’appeal tropicale e vegetale, con note evidenti di mango, lime, uva spina, passion fruit, verbena ed erba tagliata. Anche all’assaggio, la sua verve esotica si manifesta alla perfezione, con una lunga persistenza su note fruttate, insaporita da note iodate marine e resa ancora più fresche da un lungo finish con ricordi di uva spina e agrumi.

Abbinamento Vino Sushi Hans Greyl Sauvignon Blanc 2019
Hans Greyl Sauvignon Blanc 2019

Un vino che, in generale, sposa benissimo le ricette in cui la frutta esotica incontra i formaggi cremosi e i pesci grassi, come tonno e salmone, e le fritture di crostacei. Un bianco che esalta piacevolmente il tocco aromatico, solo delicatamente amaro, della granella dei pistacchi e la freschezza dolce e succosa di un bell’ananas o di un succoso mango.

Da queste premesse, questo Sauvignon sembra proprio nato per sposare i crudi di pesce in stile internazionale. Dipende ciò che si ama di più: se si predilige un contrasto maggiore, allora questo Sauvignon è fantastico con dei roll Philadelphia, salmone e pistacchio. Se, al contrario, si amano i sapori più morbidi e dolci, meno contrastanti, allora questo vino è perfetto per dei fusion summer roll, dove la cremosità del Philadelphia e del pesce crudo incontra la dolcezza del mango.

Abbinamento Vino Sushi Sushi Fusion Home Made di salmone, arricchito con Philadelphia, Mango e Granella di Pistacchi
Sushi Fusion Home Made di salmone, arricchito con Philadelphia, Mango e Granella di Pistacchi

Una sicurezza quando si parla di vini da pesce e abbinamento vino sushi, un bianco così minerale da insaporire il tocco dolce del pescato e, allo stesso tempo, cremoso quel che basta per non accentuare eventuali asprezze e durezze di un piatto.

Lo puoi trovare online qui, a circa 11 Euro.

Per altri suggerimenti sul tema Abbinamento Vino Sushi … le scelte sperimentate – gustosissime – sono ancora molte. Dai pure un’occhiata ai seguenti articoli!

Il Millesimato d'Antan 2007 di La Scolca

Capodanno con il Millesimato d’Antan di La Scolca

Champagne, Franciacorta, Prosecco … per questo Capodanno dirimo la questione e faccio felici tutti, me in primis, scegliendo un Metodo Classico da sole uve Cortese. Non uno spumante qualunque ma quelle bollicine magiche e dal fascino vintage, tipiche del Millesimato d’Antan firmato La Scolca, nel millesimo 2007.

Non è certo un vino semplice ed economico ma sicuramente una vera bandiera delle potenzialità spumeggianti di un’uva particolare come il Cortese. Bollicine che sono in grado di rendere più che speciale anche la più semplice delle ricette.

Uno spumante che fa davvero scuola con la sua incredibile capacità di vestirsi di puro piacere in abbinamento a pietanze profumate di mare e di terra, nostrane ed esotiche.

Avvicinati, voglio proprio raccontarti perché questo italianissimo metodo classico mi fa venire l’acquolina in bocca.

Il Magnifico Perlage del Millesimato d’Antan di La Scolca

Il Millesimato d’Antan di La Scolca: Colore, Profumi e Gusto

Un colore riccamente dorato per dei profumi e dei sapori ugualmente preziosi.

Questo Millesimato d’Antan 2007, con i suoi numerosi anni d’affinamento, sprigiona un caleidoscopio di golose sensazioni aromatiche, in cui spuntano i profumi delicati dei fiori di gelsomino, la balsamicità delle erbe, come la salvia, l’alloro e un tocco di menta, e la dolcezza di frutta dorata come l’ananas,  la pesca nettarina e la mela renetta, appena vivacizzata da soffi agrumati di scorza di cedro.

Più nascoste, ma incredibilmente golose, troviamo le note fragranti del pan di spagna allo zabaione, delle mandorle glassate e dei pistacchi, che fanno quasi pensare alla dolcezza di un torrone bianco. Dulcis in fundo, seguono delle delicate percezioni speziate di zafferano.

Un vino spumeggiante che svela, all’assaggio, un incantevole bilanciamento tra freschezza e coraggio minerale, dove ogni sorso si snoda prima in acidità, evolvendosi poi, lentamente, con note persistenti di terracotta, croccante al miele e sbuffi balsamici.

Un Metodo Classico che, nonostante l’insistente e ricca carbonica, regala un abbraccio di rara morbidezza.

Bollicine che, a tavola, possono veramente fare la differenza, rendendo pregiate anche pietanze semplici e genuine e trasformando ricette gourmet in delizie ancora più speciali.

Il Millesimato d'Antan 2007 di La Scolca
Il Millesimato d’Antan 2007 di La Scolca

Il Millesimato d’Antan di La Scolca: i Migliori Abbinamenti

Uno spumante così, perfetto ed equilibrato, può abbinarsi davvero a tanti ingredienti e piatti diversi. Sta splendidamente accanto ad antipasti, primi e secondi di pesce elaborati, salsati e speziati.

Ugualmente, sa come rendere giustizia al gusto pieno e intenso delle carni bianche e, addirittura, di alcuni sughi in bianco a base di cacciagione da piuma.

Infine, è stupendo anche solo come profumoso e ricco complemento di fascinose ricette vegetariane e vegane, magari dotate di un esotico appeal.

Chiarita la sua grande versatilità, vediamo in dettaglio quali possono essere i più sfiziosi abbinamenti con il cibo, ideali per esaltare al massimo questo pregiato metodo classico piemontese.

Il Millesimato d'Antan di La Scolca - Ottimo anche per un Pokè Hawaiano
Il Millesimato d’Antan di La Scolca – Ottimo anche per un Pokè Hawaiano

Il Millesimato d’Antan di La Scolca: gli Abbinamenti più Esotici

Bollicine, quelle del d’Antan 2007 di La Scolca, che sanno ben interpretare il gusto penetrante di molte ricette asiatiche, tipiche del Sud della Cina e della Thailandia, che ricevono uno sprint aromatico in più attraverso la morbida, saporita ed equilibrata persistenza del vino.

Per stupirvi, con sapori quasi vacanzieri, provate questo Cortese d’Antan in abbinamento alla cucina tipica dello Zhejiang, ad esempio con quel suo tipico stufato saporito di granchio, con note agrodolci, oppure con il tradizionale riso saltato on gamberi e profumato al tè verde o, anche, con il famoso “pollo del mendicante”. Ricette lontane ma rese irresistibilmente vicine, grazie proprio al gusto di questo Cortese in versione spumante.

Per chi ama la piccantezza tipica di molte ricette dall’appeal Thai, consiglio di assaggiare il Millesimato d’Antan in compagnia di un piatto di pollo panang al curry, con dei più semplici spiedini di pollo con salsa d’arachidi o con il classico pad thai ai gamberi.

Un vino spumante che non disdegna nemmeno le reinterpretazioni più “fusion” del classico sushi giapponese e dei crudi di pesce:  le sue bollicine dorate sono fantastiche in abbinamento ai roll in tempura, impreziositi da una glassa teriyaki, e agli ormai noti pokè hawaiani, delle basi di riso arricchite con tartare di salmone o tonno, germogli di soia, frutta secca ed esotica, spesso condite con salse e maionesi aromatizzate e piacevolmente piccanti.

Il Millesimato d’Antan di La Scolca – Ottimo anche per dei Ravi

Il Millesimato d’Antan di La Scolca: gli Abbinamenti Nostrani

Per chi invece si trova più a suo agio con piatti tradizionali ma ugualmente deliziosi, devo proprio consigliare l’abbinamento delle bollicine del d’Antan 2007 con dei ravioli ai porcini, conditi con salsa al tartufo, con un risotto allo zafferano e finferli, con dei ravioli ripieni di persico e conditi con un burro aromatizzato con salvia e zafferano, con delle costolette d’agnello panate e profumate alla menta, con dei tortelli ai funghi, con tartufo e guanciale croccante, con delle tagliatelle al ragù bianco di piccione, profumate al cacao, e con delle vegane linguine al pesto di mandorle.

Si tratta di ricette molto profumate e dotate già di un gusto particolarmente persistente. Accompagnate dai sorsi di questo goloso metodo classico, acquistano ancora una maggiore ricchezza di profumi e una saporosità ancora più intensa e penetrante che non manca mai del giusto equilibrio e setosità.

Un vino che, già da solo, lascia il segno e che, con i giusti accompagnamenti culinari, può veramente diventare lo Spumante con la P maiuscola, quello che fa davvero sognare.

Che dici? Lo proviamo insieme per festeggiare l’arrivo del 2020?

L’ho già aperto ieri ma, pensa un po’, mi va ancora 🙂

Cheers!

Puoi trovarlo online, qui ad esempio, in super offerta a circa 41 Euro.