Vini per piatti vegetariani Archivi - BWined
Il Calafuria di Tormaresca: Re dei Piatti di Mare e Vegetariani

Il Calafuria di Tormaresca: Re dei Piatti di Mare e Vegetariani

Ha la furia del mare nel nome ma un gusto di raro equilibrio, il Calafuria di Tormaresca è così, per questo è tanto buono anche con le ricette più fresche e semplici. Il suo nome è un omaggio a quel terroir salentino che fa da cornice alle viti di Negroamaro con cui viene realizzato. Il Salento è una gran terra per le uve a bacca (davvero!) nera di questo vitigno autoctono, da cui prendono vita intensi rossi e succosi rosé.

Questo firmato dall’esperienza di Tormaresca è davvero uno squisito rosato del Salento … ti stupisce nei profumi, nei sapori e, soprattutto, nelle sue tante possibilità di food-pairing. Ne ho scoperte alcune che sono davvero speciali, specie in Estate. Ti va di provarle?

Il Calafuria 2020 di Tormaresca
Il Calafuria 2020 di Tormaresca

Il Calafuria di Tormaresca: Colore, Profumi e Gusto

Il colore è bello, un rosa cerasuolo luminoso, uno di quelli a cavallo tra un tramonto e il corallo. Già per questo mi piace. I profumi non sono da meno, chiari, semplici e immediati nelle loro sensazioni che quasi ti ricordano il ribes e le fragoline, i fiori di rosa e di glicine, con appena un tocco di erbe aromatiche.

Il gusto dimostra pari genuinità, con succosi richiami fruttati e una bella energia fresco – sapida ad animare anche il più piccolo dei sorsi. L’ho apprezzato già da solo, uno di quei vini che si sa raccontare con piacevolezza anche senza un piatto speciale accanto. Tuttavia adoro scoprire come un vino sa migliorarsi, e anche migliorare, accanto ad alcune ricette. Quelle che meglio si sposano con il Calafuria ne rispecchiano la personalità: sono semplici, fresche, profumate, marine ed estive. Ora te le racconto.

Calafuria 2020 e un'insalata con tonno appena scottato ... ottimo abbinamento!
Calafuria 2020 e un’insalata con tonno appena scottato … ottimo abbinamento!

Il Calafuria di Tormaresca: i Migliori Abbinamenti con il Cibo

Un rosato minerale e dotato di rinfrescante acidità, un vino equilibrato e saporito … davvero beverino, complice anche il suo mite tenore alcolico. Con questa personalità e i suoi profumi a cavallo tra tre mondi, fruttato, floreale e vegetale, con un accento sui rimandi ai frutti rossi, è un vino che entra in sintonia con tante pietanze, specialmente di mare e vegetariane. Il Calafuria ama gli ortaggi profumati e i pesci ricchi e saporiti. Personalmente, lo trovo un compagno perfetto per una tagliata di tonno con contorno di cipolle e/o pomodorini, per delle polpette di melanzane e, soprattutto, per una fresca insalata con lattuga, alici, feta e pachino. Proprio in quest’ultimo particolare abbinamento, dove abbiamo una netta impronta sapida e un pochino acida, data dalle alici e dalla feta, il Calafuria sfoggia il suo sapore armonioso che profuma e insaporisce il tutto, senza inasprire le piacevoli durezze che rendono accattivante questa particolare insalata. Un vino dal fascino mediterraneo anche negli abbinamenti … da portare con sé in Estate, specie quando si va al mare.

Un rosato buono pure nel prezzo! Lo trovi online facilmente, qui ad esempio, a circa 10 Euro.

Vini e Piatti Vegani

Vini e Piatti Vegani: 10 Gustose Opzioni

Vini e Piatti Vegani? Più  facile provare che raccontare. Ricette spesso trascurate per la loro semplicità ma che sanno diventare immortali con un calice del vino giusto accanto. Ecco perché ho stilato, per ora, questo elenco veloce e fresco per arricchire di gusto anche le più semplici pietanze vegane: spumanti, bianchi, rosati e rossi che accanto a ricette veggie e persino crudiste stanno una meraviglia.

Perché apprezzare ancora di più i sapori più semplici non è solo semplice … è fantastico.

Hummus di Ceci … quale Vino in Abbinamento?

Vini e Piatti Vegani: gli Spumanti

Lasagne Raw con Zucchine, Radicchio, Scarola e Tofu – Villa  Sandi Valdobbiadene Superiore di Cartizze

Tante verdure croccanti e profumate per un primo piatto estivo imperdibile. Una freschezza crudista che si accompagna facilmente all’aromaticità succosa, fruttata e fragrante, di questo Cartizze. Le uve di Glera, che danno vita al celebre Prosecco, con le loro note di agrumi, frutta invernale, erbe di campo e fiori primaverili, e la piacevole acidità, sposano davvero bene la naturalità  delle verdure, anche gustate a crudo. In particolare, questo Prosecco di Cartizze rivela bollicine fini, dal gusto inaspettatamente morbido, che rendono ancora più goloso ogni boccone delle lasagne vegane, grazie al loro persistente mix di ricordi agrumati e rimandi alla frutta fresca e secca.  Un abbinamento in cui gusto e leggerezza diventano certezza.

Prosecco Cartizze Villa Sandi ottimo con delle Lasagne Vegane Raw
Prosecco Cartizze Villa Sandi … ottimo con delle Lasagne Vegane Raw

2. Pomodori Verdi Fritti – Prosecco Rosé Rosalia Giusti

Una ricetta intramontabile, piace a tutti, grandi e piccini, ma forse qualcosa ancora le manca … la freschezza e i profumi di un buon vino. Per questa specialità sono perfetti i gli aromi succosi e il gusto saporito e rinfrescante di un bel Prosecco Rosé. Un’ultima novità spumeggiante che stupisce per la sua versatilità e “giustezza” anche accanto alle più semplici ricette vegane e soprattutto con quelle che hanno come protagonisti i pomodori. Un Prosecco che, grazie alla sua avvincente sapidità, rende leggero come una nuvola il gusto della frittura. Con una ricetta così,  queste bollicine diventano una vera bacchetta magica del gusto.

Prosecco Rosé Rosalia Giusti: ottimo con i pomodori verdi fritti
Prosecco Rosé Rosalia Giusti: ottimo con i pomodori verdi fritti

Vini e Piatti Vegani: i Bianchi

3. Hummus di Ceci con Crostini alle Erbe – Gavi 1888 2020 Curtis Nova

Quando hai voglia di un aperitivo a base di un profumato hummus di ceci da gustare con croccanti crostini, prova a rendere tutto più buono con un calice del Gavi 1888. In generale, le uve di Cortese, alla base di questo bianco rinfrescante, sono proprio ciò che ci vuole per rendere ancora più invitante la semplicità cremosa  di questa ricetta vegana. A ogni boccone, l’hummus di ceci risulta aromatico, saporito ma anche pastoso … con un calice di questo Gavi accanto si trasformerà in una bomba di pura genuinità. Un abbinamento di solo piacere, a un costo ugualmente magico.

Gavi 1888 Curtis Nova ... perfetto per un hummus di ceci
Gavi 1888 Curtis Nova … perfetto per un hummus di ceci

4. Riso saltato con Asparagi e Zafferano – Verdicchio dei Castelli di Jesi Eos Vignamato

Saporito e segnato da succosa acidità, questo Verdicchio, come il suo nome, è una nuova alba all’insegna della leggerezza. Un tocco leggiadro che, di certo, non fa rima con pochezza di sapori e profumi. Giammai, con un Verdicchio così non si sfugge a golose note di frutta estiva e agrumi, a dolci sentori di fiori di sambuco e croccanti percezioni ammandorlate. Tipicamente buono, questo Verdicchio è anche versatile, perfetto anche solo accanto alla profumatissima tendenza dolce di un riso con asparagi e zafferano. Un vero boost di bontà … che non vedo l’ora di riprovare.

L'Eos è un Verdicchio ottimo per piatti vegani profumati e speziati
L’Eos è un Verdicchio ottimo per piatti vegani profumati e speziati

5. Hamburger di Ceci e Melanzane – Cilento Fiano Pante 2019 Donna Clara

Un Fiano in purezza dalla gustosa personalità sapida, dai risvolti affumicati. Ottimo in abbinamento a degli hamburger di ceci e melanzane o con dei funghi portobello gratinati. Perché? Grazie ai suoi profumi fruttati e agrumati e al suo intenso duetto tra freschezza e mineralità dona aromaticità, sapore e molta più delicatezza al gusto pastoso di questi due secondi vegani.

Cilento Fiano Pante: ottimo con diversi piatti vegani
Cilento Fiano Pante: ottimo con diversi piatti vegani

6. Pasta e Ceci – Grechetto Incanthus 2019 Trebotti

Una lunghissima scia sapida e intensi profumi di pesca bianca, pera e agrumi sono l’appetitoso biglietto da visita di questo Grechetto della Tuscia. Buono anche da solo, grazie al suo gusto rinfrescante e leggero, ma indimenticabile accanto a una pasta e ceci, anche servita in una gustosa versione fredda, perfetta per un antipasto vegano estivo.

Grechetto Incanthus Trebotti: pasta e ceci
Grechetto Incanthus Trebotti: pasta e ceci yes please

7. Gnocchi con panna vegetale e salvia – Etna Bianco Fondo Filara 2019 Cantine Nicosia

Gnocchi burro e salvia? Provali in una più leggera versione vegana, sempre generosa di aromi. Profumi che diventano ancora più affascinanti se accompagnati dalle note fruttate, erbacee e fragranti dell’Etna Bianco Fondo Filara. Un vino che ha proprio quel tocco di mineralità intensa e di freschezza gustativa capaci di rendere questa ricetta una nuvola di leggerezza ma carica a pioggia di profumi.

Etna Bianco Fondo Filara e Gnocchi Vegan con Salvia
Etna Bianco Fondo Filara e Gnocchi Vegan con Salvia

8. Orecchiette alle Cime di Rapa – Fiano Apulo 2019 Masseria Altamura

Con gli abbinamenti tradizionali non si sbaglia mai: questo Fiano pugliese è spettacolare nell’accompagnare le orecchiette alle cime di rapa. Un vino che è una sorpresa da solo … figurati accanto alla giusta pietanza. L’Apulo arricchisce la pasta di rinfrescanti sensazioni agrumate e ne amplifica le note erbacee. Un wine-food pairing in cui si apprezza appieno il tocco delicatamente amaro delle cime di rapa, accompagnato da questo bianco che ha proprio la giusta morbidezza per rendere la ricetta ancora più succulenta e saporita.

9. Carciofi Gratinati – Chardonnay 2019 Zorzettig

Breve storia golosa. Pulisci e taglia a metà i carciofi, aggiungi sale e pepe,  una panure un pizzico speziata e aromatizzata con origano, salvia, rosmarino e aglio. Fai gratinare tutto al forno … et voilà, ecco un antipasto sfizioso che è ancora meglio se ci metti accanto il tocco agrumato, fruttato ed erbaceo di questo Chardonnay Friulano. Un bianco morbido e succoso, di piacevole freschezza e sapidità, che accanto ai carciofi così cotti al forno è una vera delizia, a un prezzo davvero piccolo.

Chardonnay Zorzettig: un'ottima scelta per dei carciofi gratinati
Chardonnay Zorzettig: un’ottima scelta per dei carciofi gratinati

Vini e Piatti Vegani: i Rossi

10. Tortillas con crema di fagioli e pomodori secchi – Negroamaro Zacinto 2018 Masseria Cuturi

Un vino rosso accanto a ricette tutte vegane? Perché no, basta che abbia la giusta leggerezza e i profumi adatti. Questo da uve di Negroamaro è dotato proprio dell’ideale fusione di freschezza, sapidità e aromaticità che lo rende più che giusto nelle giornate più calde e accanto alla ricchezza di legumi e  ortaggi speziati. Un rosso pugliese imperdibile con il gusto persistente e piccante di sfiziose tortillas vegane, ripiene di una crema di fagioli e pomodori secchi: un abbinamento da leccarsi le dita, in cui non sentirai mai la pastosità dei fagioli … solo la loro saporita bontà.

Anche alcuni rossi sono ottimi per delle ricette vegane: prova il Negroamaro Zacinto
Anche alcuni rossi sono ottimi per delle ricette vegane: prova il Negroamaro Zacinto

Queste opzioni per Vini e Piatti Vegani non ti bastano?

Dai un’occhiata anche ai seguenti articoli:

6 Vini Perfetti per Piatti Vegetariani

Il Prosecco Prato Scuro di Colesel: Prezioso Amico di gustose Fritture e Piatti Vegetariani

Due Vini per la Peperonata

Vini per la Peperonata

Due Vini per la Peperonata

Il miglior modo per esaltare il fascino aromatico di una gustosa peperonata, accompagnata da qualche crostino alle olive? La compagnia di un vino rosato!

Ecco perché oggi ti voglio raccontare il gusto sorprendente di due rosé, fantastici nei sapori, nel prezzo e davvero ottimi vini per la peperonata!

Quali  Vini per la Peperonata?

Quali sono i migliori Vini per la Peperonata? Vista l’inconfondibile profumosità dei peperoni e della salsa di pomodori che li accompagna, i vini in abbinamento dovranno essere ugualmente carichi di aromi persistenti. All’assaggio, una bella peperonata, oltre alla sua vivida e tipica sugosità, rivela una piacevole sapidità, talvolta accompagnata anche da una delicata piccantezza. Pertanto, il vino dovrà anche dimostrare una discreta morbidezza per non accentuare eccessivamente le note piccanti e salate presenti.

Nello sposare gli aromi penetranti della ricetta, trovo che la parte da leone la giochino i vini rosati, specialmente se a base di uve di Aglianico, Negroamaro, Primitivo e Gaglioppo. Capaci di dar vita a rossi intensi e carichi di sapori, sono uve che, anche quando declinate in versione rosé, perdono di poco la loro forza, rivelando vini morbidi e profumosi.

Due Vini Rosati per la Peperonata

Rosàntica 2019 – Placido Volpone

Tutta la forza delle uve di Aglianico e di Sangiovese cresciute sotto il sole pugliese, respirando le brezze marine che sferzano le vigne della Tenuta Placido Volpone, situata vicino al sito archeologico dell’antica Herdonia: eccoti il Rosàntica!

Un vino che, già a guardarlo, sembra sprigionare sapore, con una tonalità quasi amarena, che ben si abbina ai vivaci colori dei peperoni. Un piacere da guardare, specialmente sotto la luce del sole, e una gioia ancora maggiore quando se ne colgono i profumi e, soprattutto, il sapore. Succosi profumi di chicchi di melograno, ciliegie e lamponi, vibranti note di foglie di salvia, maggiorana e leggeri ricordi di petunie, accompagnano un sorso di squisita freschezza fruttata, dalla delicata salinità, e percorso da una morbidezza avvolgente. Forza e leggerezza ben si fondono in questo rosato, dalla persistenza che ti fa pensare alla bontà estiva dei frutti di bosco. Proprio grazie al suo tocco morbido e fresco, dalla lunga eco aromatica, è un vino perfetto nell’esaltare gli intensi profumi di un ortaggio come il peperone. Accanto a una classica peperonata, il Rosàntica fa emergere tutte le goduriose nuance che rendono tanto amata questa pietanza vegetariana.

Grazie alla sua particolare e ben definita personalità, è un vino ottimo anche accanto a una parmigiana di melanzane o con la semplicità di una pasta al sugo di olive nere.

Rosàntica 2019 – Placido Volpone

Terre Lontane 2019 – Librandi

Più delicato, ma ugualmente aromatico e rinfrescante, è l’appeal del Terre Lontane, firmato Librandi, un rosé di Calabria creato da uve di Gaglioppo e Cabernet Franc. Un’aromaticità che ricorda una scampagnata fuori porta o un picnic in spiaggia, con intriganti note di fragoline di bosco, foglie di menta e leggere sensazioni iodate. Un vino dall’anima fresca, delicatamente sapida, siglato da una morbidezza in cui si percepisce tutta la dolcezza dei frutti rossi. Un fascino setoso, sì, accompagnato da un gusto completamente secco e quasi dissetante.

Un rosato delizioso anche accanto a degli spaghetti conditi con un pesto ai peperoni e che non disdegna affatto la cucina di mare, oltre alle ricette vegetariane, da provare anche su delle linguine ai ricci di mare o con un risotto con gamberi rossi e olive.

Terre Lontane 2019 – Librandi

Ecco, a ricordare la bontà di questi due Vini per la Peperonata mi è rivenuta fame … per fortuna che ci sono ancora infiniti abbinamenti cibo – vino da sperimentare.

Nell’attesa potete trovare i vini protagonisti di oggi nei link di seguito:

Rosàntica 2019 – Lo puoi trovare qui, a circa 6 Euro.

Terre Lontane 2019 – Lo puoi trovare qui, a circa 8,5 Euro.

Cheers!

Il Prosecco Fontana Vecia di Colesel: gli Abbinamenti più Gustosi

Il Prosecco Fontana Vecia di Colesel: gli Abbinamenti più Gustosi

Rendere super golosa la semplicità di un antipasto vegetariano? Una missione facilissima con il Prosecco Fontana Vecia di Colesel. Bollicine dal gusto squisitamente fresco che stanno d’incanto con delle bruschettine con pomodorini pachino e melanzane saltate. Continua la lettura e lasciati affascinare dalla frizzante piacevolezza di un ottimo Prosecco di Valdobbiadene!

Il Perlage del Prosecco Fontana Vecia di Colesel
Il Perlage del Prosecco Fontana Vecia di Colesel

Il Prosecco Fontana Vecia di Colesel: Perlage, Profumi e Gusto

Quest’Inverno, e non solo, si è tanto sentito parlare della kalsarikännit: un termine svedese che incarnerebbe la vera natura di un momento piacevole, trascorso a casa, nel dolce far niente. Senza stare a scomodare termini stranieri, la risposta esiste già, da un bel po’, è internazionale e consiste proprio nel godersi un calice di buon vino, ovunque ci si trovi, magari accanto a uno stuzzichino leggero e piacevole. Per me, la kalsarikännit ha le bollicine del Prosecco di Valdobbiadene Fontana Vecia: il modo migliore per trascorrere beatamente anche questa difficile Estate 2020, ovunque ci si trovi.

Un Prosecco che sprigiona, con vigore, profumi floreali, fruttati ed erbacei che ricordano la bellezza di un giardino primaverile: note di glicine e di fiori di sambuco che si fondono a delicate nuance di salvia e a dolci sentori di melone e pesca bianca. Bollicine che incantano prima per freschezza e, poi, per la gustosa scia minerale che lasciano alla fine di ogni assaggio. Un gran bel Prosecco, uno di quelli che, appena assaggiato, ti fa esclamare: ah, però! Così buono e così economico? Il Fontana Vecia porta gusto e gioia in ogni momento ma, se non l’abbini con qualcosa di altrettanto appetitoso, godi solo la metà 😉

Scopri l’altra metà di squisitezza, continuando a leggere il post.

Il Prosecco Fontana Vecia di Colesel: ottimo per delle bruschette con pachino,  melanzane e …
Il Prosecco Fontana Vecia di Colesel: ottimo per delle bruschette con pachino, melanzane e …

Il Prosecco Fontana Vecia di Colesel: ottimo per delle bruschette con pachino e melanzane e …

Il Fontana Vecia ama tantissimo l’aromaticità dei pomodorini e, in generale, degli ortaggi profumati. Con quelle sfiziose note erbacee, unite alle fresche nuance di frutta estiva, le sue sono bollicine perfette nell’amplificare il carattere gusto-olfattivo delle bruschette con pachino e melanzane.

La piccola aggiunta, strategicamente golosa, di qualche pezzetto di Pecorino stagionato, viene ugualmente esaltata, nella sua spiccata aromaticità, dai profumi frizzanti e fruttati del Prosecco.

Attraverso il suo approccio, di squisita acidità e dalla delicata eco minerale, il Fontana Vecia riesce bene a conferire un tocco di sapore in più al piatto, nobilitandone i profumi e, soprattutto, quella spiccata tendenza dolce che sempre caratterizza le verdure … anche quelle apparentemente più saporose.

La sapidità intrinseca del Pecorino resta piacevolmente sapida, senza eccessi, contribuendo ad accrescere la succulenza dell’abbinamento, dove semplicità e leggerezza si muovono all’unisono.

Il Prosecco Fontana Vecia: tanto gusto anche con gli Abbinamenti più Semplici e Vegetariani
Il Prosecco Fontana Vecia: tanto gusto anche negli Abbinamenti più Semplici e Vegetariani

Questo a ulteriore dimostrazione che si può godere appieno anche degli ingredienti più familiari, soprattutto quando sapientemente coccolati: è questo Prosecco di Valdobbiadene, firmato Colesel, ci riesce in grande stile!

Se hai voglia di qualcosa di più elaborato, non temere! Il Prosecco Fontana Vecia sa accompagnare con uguale bontà anche le seguenti ricette:  pasta con sarde e pomodorini, couscous vegetariano, carpaccio di polpo con patate, pennette ricotta e datterini, ravioli al vapore, con gamberi e verdure, tortino di melanzane e mozzarella, risotto con fiori di zucca e alici.

p.s. Puoi trovare il Prosecco di Valdobbiadene Fontana Vecia qui, a circa 11 Euro.

I Vini per una Pasqua Gourmet

I Vini per una Pasqua Gourmet

Dagli antipasti ai dolci, passando a degli sfiziosi e  alternativi secondi, a base di carne o di formaggi, è sempre possibile scegliere il vino adatto per gusto, armonia d’abbinamento e prezzo … anche in questi strani frangenti!
Scoprite qui le scelte vinose di Bwined per una Pasqua all’insegna della bontà, gourmet nei sapori e leggera nei costi.

Finger food asparagi e uova, ottimi con il Prosecco Extra Dry dei Fratelli Bortolin
Finger Food Asparagi e Uova

I Vini per una Pasqua Gourmet – Sfiziose Bollicine per degli Antipasti con protagonisti gli Asparagi

Lo spumante ideale per un gustoso antipasto con uova e asparagi è il Prosecco Extra Dry dei Fratelli Bortolin. Con quel suo gusto di frutta croccante, la freschezza equilibrata e il perlage spumoso e setoso è la scelta perfetta per valorizzare i profumi di questo finger food dalla tendenza dolce, conferendogli delle vivaci nuance agrumate.
Bollicine piacevoli che vanno via a una velocità Incredibile. Per fortuna che si possono trovare online a circa 10 euro, come qui, ad esempio.
Assaporato tante volte e in numerose occasioni, si sposa bene anche a degli assaggi di pizza bianca e mortadella o di pizza bianca con patate e mozzarella, con dei bocconcini fritti di pollo, con dei crostini con vongole e asparagi, con un riso saltato con piselli e guanciale croccante i con degli involtini di sfoglia con ricotta e asparagi.

Prosecco Valdobbiadene Extra Dry Fratelli Bortolin, ottimo con gli antipasti di asparagi
Prosecco Extra Dry – Fratelli Bortolin

I Vini per una Pasqua Gourmet – Due Bianchi per dei Primi Piatti con Protagonisti Carciofi e Asparagi

Il Berg 2018 di Colterenzio e le Lasagne agli Asparagi

Il Berg di Colterenzio per le Lasagne agli asparagi
Berg 2018 – Colterenzio


Per un gustoso primo piatto, come le lasagne agli asparagi, un ottimo accompagnamento è rappresentato dal Berg di Colterenzio, un Pinot Bianco profumato e dal gusto caldo, morbido ed equilibrato. Con i suoi aromi croccanti che ti fanno pensare proprio alle mele dell’alto Adige, è un vino che riesce bene ad esaltare il gusti naturale e particolare degli asparagi, specie se impiegati sono aromatico complemento di una ricca pasta.
Lo trovi qui, a circa 12 Euro.

Il Fiano del Sannio 2019 di Fattoria La Rivolta e il Risotto ai Carciofi

Fiano del Sannio Fattoria La Rivolta ottimo con  il risotto ai carciofi
Fiano Sannio 2019 – Fattoria La Rivolta


Se invece preferite gustare il sapore dei carciofi di stagione, magari declinati in un gustoso risotto, abbinategli l’ottimo ed economico Fiano del Sannio della Fattoria La Rivolta. Non lasciatevi ingannare dal piccolo prezzo, perchè si tratta di un bianco tipico e gustoso, dotato di freschezza e mineralità: doti che qui si esprimono con vigore ma in equilibrio. Un Fiano che piace per i suoi vivaci profumi e per la sua persistenza setosa, piena e leggermente agrumata, che esalta il sapore dei carciofi mettendone a nanna gli amari eccessi.

Lo puoi trovare online qui, a circa 9 Euro.

I Vini per una Pasqua Gourmet – I Rossi ideali per le Ricette con Protagonista l’Agnello

Il Montepulciano Rubesto 2016 di Cantina Frentana e l’Agnello con Piselli e Patate.

Rubesto Montepulciano Ottimo con l'Agnello al Forno
Rubesto 2016 – Cantina Frentana

Con un rapporto qualità prezzo, tanto ottimo quanto il suo gusto, il Montepulciano d’Abruzzo Rubesto, prodotto dalla Cantina Frentana, è una scelta ottima nell’accompagnare la tipicità di un piatto di un cosciotto d’agnello al forno con patate e piselli. Grazie ai suoi profumi freschi e fruttati, con delicate note floreali e speziate, e un gusto morbido, dall’equilibrata persistenza fresco-sapida, è un vino che riesce bene a insaporire la tendenza dolce dell’agnello e delle verdure, senza coprirne la tipica saporosità, regalandogli anche leggere note di prugne e liquirizia. Un Montepulciano d’Abruzzo Riserva squisito e armonioso che potete trovare online a soli 6,50 Euro.

Il Falcotto 2015 di Fontezoppa: la Vernaccia che sa bene come ingolosire le Cotolette d’Agnello


Agli amanti delle classiche cotolette d’agnello panate, da mangiare con le dita, non può sfuggire il carattere boschivo e speziato, ma soprattutto salino, del Falcotto di Fontezoppa. Una Vernaccia di Serrapetrona, secca e deliziosamente minerale, perfetta per insaporire il gusto della carne d’agnello, sgrassando, al contempo, la pesantezza della frittura.
La potete trovare online, qui ad esempio, a circa 9 euro.

Il Falcotto di Fontezoppa ottimo con le costolette d'agnello fritte
Falcotto 2015 di Fontezoppa

I Vini per una Pasqua Gourmet – Grandi Rossi (anche) da Formaggi


Per tutti coloro che non amano la carne, i seguenti vini rossi sono ottimi anche con degli assaggi di formaggi saporiti e stagionati.

Il Taurasi 2014 di feudi di San Gregorio: Agnello e Formaggi!

Taurasi 2014 Feudi di San Gregorio ottimo con un carrè d'agnello alle prugne e tagliere con pecorini di fossa
Taurasi 2014 – Feudi di San Gregorio


Il Taurasi dei Feudi di San Gregorio e un vino dalla bontà innegabile, espressione tipica e golosa di fantastiche uve d’Aglianico.
Un rosso che profuma intensamente di more e ciliegie sotto spirito, di foglie d’alloro e menta, di spezie dolci e piccanti, con uno sfizioso tocco tostato di chicchi di caffè e tabacco da pipa. Succulenti sensazioni che riscopriamo a ogni sorso, dove questo Taurasi ci conquista con una ricca mineralità e una persistenza balsamica e delicatamente piccante, con ricordi di pepe e cannella. Perfetto con un Carrè d’agnello alle prugne così come con un tagliere con assaggi di pecorini di fossa. Lo trovi online, come qui ad esempio, a circa 18 Euro.

Il Burdese 2015 di Planeta – Ottimo con l’Anatra e i Formaggi saporiti

Burdese Planeta ottimo con l'Anatra in Agrodolce e formaggi saporiti e stagionati, come il Provolone del Monaco
Burdese 2015 – Planeta


Per chi preferisce il fascino della raffinata anatra per celebrare questo particolare momento festivo, il Burdese di Planeta è una scelta davvero perfetta. Un vino che sposa benissimo il gusto delle carni in agrodolce. Un rosso, a base di uve  di Cabernet Sauvignon e Franc, nate sotto il sole delle siciliane colline di Menfi, che sprigiona intensi profumi di macchia mediterranea e appetitose sensazioni speziate.
Con il suo gusto morbido e pieno, dai tannini finissimi e dalla persistenza vellutata, è il compagno vinoso ideale per un bel petto d’anatra in agrodolce o per dei golosi assaggi di Provolone con una chutney di pere e cannella o di Casolet con composta di ciliegie. Lo puoi reperire online, a questo link, al costo di 18 Euro.



I Vini per una Pasqua Gourmet: Delizie Enoiche da Dessert

Le Cinque Pietre 2017 di Telaro: una sfiziosa vendemmia tardiva accanto a una squisita Pastiera

Falanghina Passita le 5 Pietre di Telaro, ottima con la Pastiera
Le Cinque Pietre – Telaro


Ecco una squisita versione passita di Falanghina campana. Le Cinque Pietre di Telaro è un vino dolce dal gusto ricco ma sempre piacevolmente fresco. Un passito forte di un’aromaticità eterogenea, che avvolge con sensazioni di agrumi canditi, croccante alle mandorle, miele millefiori, zucchero filato, fichi secchi e sfumature speziate di pepe bianco e zafferano. Un passito morbido ed equilibrato che lascia in bocca un’emozionante sensazione vellutata e avvolgente, con ricordi di scorza di limone, frutta secca e nuance speziate.
Un compagno perfetto per la squisita e tipica ricchezza di una classica pastiera. Puoi trovare Le Cinque Pietre qui, a circa 15 Euro.

Una golosa Malvasia per impreziosire di sapore la classica Colomba

Malvasia Passita Balanubi di Nicosia, ottima con la Colomba


Non dimentichiamo la morbida bontà della colomba. Un dolce tipico di cui molti farebbero anche a meno ma che, nella sua armoniosa semplicità, può diventare una vera bomba di sapore, specie se in compagnia della Malvasia Balanubi Fondo Filara di Nicosia.
Una vendemmia tardiva che sprigiona intensi profumi di albicocche secche e caramella d’orzo. Ben dosata in dolcezza, regala una persistenza fruttata, vivacizzata da piacevole freschezza e da una gustosa sensazione di caramella mou. Una Malvasia dolce che si abbina con gusto anche ad altri dolci, tipici del periodo: come la carrot cake, il semifreddo di colomba e i classici biscotti di Pasqua alle mandorle.

Grande rapporto qualità prezzo per un vino da dessert che puoi trovare facilmente qui, a circa 10 Euro.

Che cosa ne dici? Pensi di aver trovato i tuoi Vini per una Pasqua Gourmet?

Raccontaceli, commentando l’articolo!

Cheers!

Se hai bisogno di qualche altre idea … dai un’occhiata ai seguenti articoli:



Vini per i Cannelloni Zucca e Ricotta

2 Vini per i Cannelloni Zucca e Ricotta

Quello di oggi è proprio un abbinamento di stagione! Infatti, sto per raccontarvi due gustosi Vini per i Cannelloni Zucca e Ricotta.

Un primo piatto semplice, ma ricco di profumi e tenui note speziate, dalla gradevole grassezza e dall’intensa tendenza dolce, caratteristiche vivacizzate dalla particolare gustosità della ricotta di pecora, saporita e con quella sua tipica ma gradevole leggera punta d’acidità.

Nonostante tali potenzialità, alcuni possono trovare questa pietanza un po’ troppo “morbida” e, magari, anche poco saporita, nonostante la sua particolare persistenza gustativa.

Se anche voi la pensate così, non dovete preoccuparvi, perché con i vini giusti, in accompagnamento a questa “dolce” ricetta, sperimenterete un abbinamento davvero dal gusto esplosivo …

basterà scegliere tra le due delizie enoiche che sto per proporvi 🙂

2 Gustosi Vini per i Cannelloni Zucca e Ricotta … e non solo!

Riflessi Extra Dry – Cantina Sant’Andrea (Lazio)

Riflessi Extra Dry Cantina Sant'Andrea - Vini per i Cannelloni Zucca e Ricotta

Per vivacizzare la tendenza dolce e la grassezza di un piatto di Cannelloni Zucca e Ricotta, la ricca freschezza e la delicata sapidità marina di questo metodo Charmat è davvero una scelta azzeccata. Senza contare quello sprint aromatico che questo spumoso mix, di uve di Trebbiano e di Malvasia, riesce a dare alla ricotta di pecora e alla dolce zucca! Bollicine scoppiettanti che sprizzano profumi fragranti di frutta fresca e di fiori di campo, con setose note di pesca, albicocca e papaya. Aromi dolci ma che acquistano una rinnovata e briosa verve, grazie a delle lievi sensazioni di mandorle e nocciole.

Uno spumante golosissimo e dagli ottimi profumi, poco conosciuto ma che merita tanto … soprattutto se giustamente abbinato alla goduriosa sofficità dei Cannelloni Zucca e Ricotta.

Ha anche un prezzo davvero invitante … lo potete trovare qui, a circa 8 Euro.

Sauvignon 2018 – Villa Russiz (Friuli Venezia Giulia)

Sauvignon 2018 - Villa Russiz - Vini per i Cannelloni Zucca e Ricotta

Con un piatto così semplicemente profumoso, non poteva mancare il tocco speciale che un ottimo Sauvignon friulano riesce a dare: come fa proprio quest’annata 2018 del Sauvignon in purezza, firmato da Villa Russiz.

Un bianco che rivela una squisita aromaticità, composta da note di frutta esotica ed estiva, con dei decisi tocchi erbacei e officinali. Al gusto, si rivela davvero rinfrescante e delicatamente sapido, due doti che gli permettono di alleggerire facilmente la tenera pastosità del piatto.

Inoltre, abbinandolo proprio a dei Cannelloni Zucca e Ricotta, sembra quasi d’insaporirli ulteriormente con quei decisi ricordi di salvia che spiccano nettamente dal suo ricco ventaglio di profumi.  

Un vino che, in generale, sa davvero come incantare il gusto dolce e delicato e l’intensa aromaticità delle verdure profumate e di molti formaggi freschi.

Un Sauvignon che potete abbinare, con grande piacere, anche a una omelette con stracchino ed erbe, a un uovo fritto con funghi porcini o a delle crespelle ai fiori di zucca e mozzarella.

Potete trovare questo Sauvignon del Collio qui, a circa 15 Euro.

Che ne pensate? Curiosi di sperimentare questa doppia accoppiata di profumi e sapori stagionali?

Raccontatemi! Nell’attesa, sempre Cheers!

p.s. Se amate i piatti che hanno la zucca come protagonista, allora non perdete i seguenti post, con delle gustose proposte di abbinamento ;)!