Le Bollicine del Venerdì: il Doro delle Vigne di Alice

Il Doro delle Vigne di Alice
Il Doro delle Vigne di Alice

Oggi ho deciso di rallegrarvi con un Prosecco scoperto da poco: il Doro delle Vigne di Alice.

Non pensate ai tristi prosecchi insapore, industriali da shakerare con succhi e quant’altro, pensate piuttosto a un Prosecco saporito che richiama la freschezza e la croccantezza di una bella mela golden della Val di Non.

Immaginate un Prosecco che con le sue bollicine frizzanti vi riporta i profumi dei taralli con lo zucchero a velo e di una baguette appena tagliata.

Tutte queste sensazioni le trovate nel Doro delle Vigne di Alice … e scusate se è poco!

Se vi è venuta voglia di assaggiare questo Prosecco leggete oltre.

 

Abbinando il Prosecco Alice d’Oro

Il Doro delle Vigne di Alice è un brut di grande mineralità e dalla piacevole e persistente effervescenza.
Con i suoi sapori e profumi può diventare perfetto in tantissime occasioni e con tantissimi cibi.

Per una serata veramente allegra niente è meglio di una serie di stuzzichini e finger food da mangiare tra amici, ovviamente con un bel bicchiere di Doro in mano.

Questo Prosecco è davvero delizioso con i fritti di verdure: ad esempio mi è piaciuto tantissimo con dei classici involtini primavera.

Se le bollicine di questo Prosecco ti rinfrescano dalla sensazioni di fritto, il sapore fresco, minerale e fragrante del Doro insaporisce per bene il gusto delicato del ripieno dei roll.

Con il Doro delle Vigne di Alice non avrete bisogno della salsa agrodolce: il Prosecco sarà il condimento perfetto per il vostro aperitivo.

Potete godere appieno delle potenzialità di questo gustoso Prosecco anche con altri antipasti e con pietanze più elaborate: quello che conta è saper sfruttare a pieno il gusto minerale, intenso ed effervescente del prodotto.

Il Prosecco Doro sta benissimo anche con un risottino ai funghi, con degli gnocchi alla zucca, in generale con i fritti di verdure e di gamberi, con un carpaccio di trota salmonata, con delle polpette di riso e salmone (in stile onighiri !) e con i classici gyoza della cucina giapponese.

Direi che questi potenziali abbinamenti con il Doro rappresentano un’ampia e gustosa scelta per trascorrere il vostro Venerdì.

Se vi ho incuriosito e avete deciso di provare il Prosecco Doro delle Vigne di Alice, la vostra caccia sarà breve poichè potete trovarlo online qui.

A Roma potete trovarlo facilmente all’enoteca Trimani.

Chissà … magari oggi che mi vado a gustare le delizie dell’evento Cucine di Strade per le vie di Roma, mi posso portare dietro il buon Doro!

Cheers e buon week-end !