Il Vino Giusto per l’Amatriciana

Uno dei primi obiettivi che mi sono posta, nel realizzare questo blog, era quello di trovare quei vini perfetti per accompagnare preparazioni culinarie celebri ma non per questo raramente assaggiate: quindi tutte quelle pietanze gustose, semplici da preparare e che non richiedono cifre esagerate.

Un piatto come gli spaghetti o i bucatini all’amatriciana, originario e diffusissimo in territorio abruzzese e laziale, declinato e rivisitato in vari modi, rappresenta una pietanza consumata su tutto il territorio italiano e conosciuta anche all’estero.

In fondo chi non ha mai assaggiato un’amatriciana?

Certe deliziose pietanze per fortuna non hanno confini geografici e l’unica cosa di cui hanno bisogno è un buon vino in accompagnamento.

Personalmente trovo che per i primi piatti di pasta sia un pochino più complicato scegliere sempre il vino adatto e, spesso, sperimentare direttamente è l’unico modo per evitare di rendere sgradevole un piatto.

Se in molti casi si va abbastanza sul sicuro scegliendo un vino bianco o uno spumante per le pietanze a base di pesce e, per le carni rosse, un buon vino rosso, per la pasta ci sono altre considerazioni da fare per trovare un valido abbinamento.

Il Forno 2011 di Cascina Gilli
Il Forno 2011 di Cascina Gilli

In questi casi ciò che determina la scelta della tipologia di vino è il condimento della pasta.

Generalmente per i condimenti a base di verdure si opta quasi sempre per vini bianchi, anche se per alcuni arricchiti di salsa al pomodoro si può tentare con dei rosati leggeri.

Lo stesso discorso vale per quei risotti e paste servite con un condimento a base di pesce, dove sono quasi sempre i vini bianchi, e a volte anche degli spumanti metodo classico, a costituire la scelta migliore.

Per i condimenti arricchiti con carne il discorso però cambia ed ecco arrivare i dubbi che solamente dei gustosi test possono chiarire.

Se qui ad esempio abbiamo abbinato con gran successo la carbonara ad un vino bianco, una malvasia puntinata per l’esattezza, con una pietanza come le lasagne al ragù la scelta (leggetela qui!) è stata ben altra e non poteva essere altrimenti date le caratteristiche organolettiche diverse.

Se volete scoprire cosa ricercare in un vino per accompagnare degnamente degli spaghetti all’amatriciana, sciogliete ogni dubbio provando il Freisa D’Asti il Forno, di Cascina Gilli.

Perché proprio questo vino? Leggete di seguito e lo scoprirete.

 

Il Forno di Cascina Gilli e l’abbinamento con l’Amatriciana

In un piatto come l’amatriciana abbiamo di base la tendenza dolce data dalla pasta e del guanciale ma abbiamo anche una maggiore untuosità, rispetto a quella riscontrabile in una carbonara, data dal condimento di pomodoro.

In un’amatriciana troviamo una minore grassezza e una tendenza dolce inferiore rispetto a quella che normalmente si può percepire in una carbonara, dove l’uovo contribuisce ad accrescere entrambe le sensazioni.

Ecco quindi che nell’abbinamento con una pasta all’amatriciana bisognerà ricercare un livello maggiore di tannini e una presenza leggermente minore di acidità e sapidità … a mio parere direi che si può passare alla ricerca di un vino rosso!

Però non tutti i vini rossi possono andare bene.

Il Vitigno Freisa
Il Vitigno Freisa

Abbiamo comunque bisogno di tannini delicati e di una buona acidità in grado di contrapporsi alla tendenza dolce della pasta che deve essere accompagnata e non sopraffatta dai sapori di un vino rosso troppo deciso e corposo.

Alcuni vini rossi, in base alle loro uve di origine, possono venirci facilmente in aiuto.

Il Freisa, vitigno da cui viene appunto prodotto il “Forno” di Cascina Gilli, presenta tutte quelle caratteristiche che ci saranno utili per questo specifico abbinamento: tannino presente ma non eccessivo, non come quello che possiamo trovare in un Nebbiolo o in un Sangiovese, e freschezza netta che ci aiuta tanto nel mitigare le pseudo-dolcezze della pietanza.

Non a caso il Freisa è un vitigno che si presta bene anche alla produzione di vino rossi leggermente frizzanti.

Nel caso del Forno di Cascina Gilli subentrano però molti altri elementi, quali i sapori e i profumi propri del vino, che rendono l’abbinamento veramente delizioso e, mi azzardo a dire, quasi perfetto.

Assaggiando il Forno di Cascina Gilli, annata 2011, si sentono subito gli aromi fruttati di fragola e lamponi, i sentori di spezie dolci e il profumo di maggiorana e foglie di menta che accompagnano splendidamente l’aromaticità dell’amatriciana.

Inoltre la sapidità propria di questa pietanza contribuisce ad accrescere anche quella del vino che diventa ancora più saporito e piacevole.

Nel Forno è la freschezza a dominare accompagnata però da una buona morbidezza che la stempera e rende il tannino meno incisivo.

Esattamente tutto ciò che ci serviva per costruire un buon abbinamento.

Ora non ci resta che provare l’abbinamento … di nuovo! D’altronde squadra vincente non si cambia.

 

p.s. Come al solito un occhio di riguardo anche al prezzo: anche in questo caso con circa 8 Euro (il costo del Forno di Cascina Gilli da Eataly) si può realizzare un fantastico abbinamento.