Il Verdicchio dei Castelli di Jesi Tralivio di Sartarelli

Visto che siamo già nella Valle del Fiume Esino e abbiamo cominciato qui a fare conoscenza con i sapori e i profumi del Verdicchio dei Castelli di Jesi, entriamo nel vivo del tema con la degustazione di un bel prodotto della zona: il Verdicchio del Castelli di Jesi Classico Superiore Tralivio, annata 2013, dell’Azienda Sartarelli.

Il Tralivio 2013 di Sartarelli è un Verdicchio che rappresenta pienamente l’anima di questo tipico vino marchigiano: un prodotto saporito, con una buona freschezza, dai profumi vivaci e penetranti, caratterizzato da una grande morbidezza e un ottimo equilibrio.

Il Verdicchio Classico Superiore Tralivio
Il Verdicchio Classico Superiore Tralivio

Proprio questi due ultimi elementi sono la chiave di volta del prodotto che mostra un incredibile potenziale in termini di abbinamento con il cibo.

Un Verdicchio che, pur avendo struttura e molto sapore, si presta a essere bevuto a tutto pasto, come vino da antipasto, da primi piatti e da secondi … per il dessert ovviamente non è il caso ma ci si può facilmente consolare con il passito della stessa azienda. 🙂

 

Abbinando il Verdicchio Tralivio di Sartarelli

Il Verdicchio Tralivio fa subito bella figura appena versato nel bicchiere, con quel suo tipico colore brillante, ma è soprattutto con i profumi che colpisce, sprigionando delle intense note fruttate, di pesca gialla, albicocca, mela golden e limone, delle note floreali meno evidenti di camomilla e mimosa e dei lievissimi sentori vegetali di salvia.

All’assaggio la morbidezza del vino, che veniva già suggerita da quei profumi con spiccata tendenza dolce, risulta subito evidente: la sapidità, vagamente percepibile anche all’olfatto con degli accenni di ardesia, è presente ma sfumata e anche la freschezza (leggasi sempre acidità) non è affatto invadente anche se rimane chiaramente percepibile.

Assolutamente indimenticabile è il tipicissimo gusto finale di mandorla, percepibile al termine dell’assaggio, che accresce la persistenza del prodotto senza scadere in una secca nota amarognola.

Il Tralivio 2013 è un vino che ho “testato” con diverse pietanze, sempre in linea con i possibili abbinamenti per un Verdicchio dei Castelli di Jesi delineati qui, e devo dire che ha sempre dato il meglio di sé, dal primo all’ultimo assaggio.

Un Verdicchio che si presta bene ad accompagnare piatti dai sapori delicati ma, allo stesso tempo, anche pietanze di grande intensità gusto olfattiva: infatti non bisogna dimenticare che siamo di fronte a un Verdicchio superiore, con una buona struttura e un tenore alcolico di 13,5%, che sicuramente è in grado di accompagnare pietanze con una succulenza ben percepibile.

Il Tralivio è un Verdicchio che sta benissimo in abbinamento ai crostacei, magari insaporiti con delle salse, e ai calamari, ripieni, in guazzetto oppure con un contorno di verdure.

Insalata di Gamberi
Insalata di Gamberi

Ecco quindi che possiamo benissimo servirlo in accompagnamento a un bel cocktail di scampi, a un’insalata di gamberi e pesto di rucola, a un antipasto con polpo e patate.

Per un abbinamento con dei primi piatti non abbiamo che l’imbarazzo della scelta: personalmente ho provato il Tralivio con una pasta al pesto genovese ed è riuscito ad esaltarne i profumi senza venire sopraffatto dal gusto deciso del piatto e dalla sua succulenza.

Ovviamente è un un vino perfetto per accompagnare ogni possibile primo allo scoglio, anche quelli con un sugo di pomodoro: via libera quindi ad abbinamenti con i risotti di mare, le tagliatelle all’astice, le linguine misto mare, le fettuccine alla granseola, gli spaghetti al baccalà e ricette simili.

Se invece non vogliamo provarlo con un primo di pesce possiamo benissimo accostarlo, oltre che ai primi con pesto genovese, a una pasta alla norma oppure a un risotto ai funghi.

Infine il Tralivio è sicuramente un grande vino per i secondi piatti a base di pesce di mare: veramente delizioso con un bel branzino con pancetta e cipolle, aromatizzato all’arancia, ugualmente ottimo con dei saltimbocca di orata o una classica orata al cartoccio, ricette semplici e gustose che faranno ancora migliore figura con un vino come questo.

Come sempre chi dice che per bere prodotti di qualità bisogna spendere tanto … si sbaglia veramente!

Potete trovare facilmente il Tralivio all’ottimo prezzo di circa 12 Euro, nelle enoteche oppure online come, ad esempio, qui e qui.