risotto_montecappone_header

Il Verdicchio dei Castelli di Jesi Federico II di Montecappone

Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkedin
Share On Reddit
Share On Stumbleupon
Contact us

Continuiamo il nostro piacevole studio del Verdicchio degustando un prodotto diverso da quello che ho descritto qui, alcuni giorni fa.

Si, perché il Verdicchio dei Castelli di Jesi pur avendo delle chiare tipicità si mostra di volta in volta con note di diversa piacevolezza, in base all’interpretazione dei produttori e, ovviamente, alla particolare interazione delle uve con l’ambiente.

Etichetta Verdicchio Federico II
Etichetta Verdicchio Federico II

Il Verdicchio Classico Superiore Federico II A.D. 1194 dell’azienda Montecappone spicca soprattutto per la sua struttura importante: un vino di corpo, pieno che quasi non sembra un vino bianco, un prodotto che all’assaggio colpisce veramente per la sua intensità.

I profumi tradiscono del tutto quello che bisogna aspettarsi in fase di degustazione: decisa nota fumé, profumi di mandorle e pinoli, aromi di ananas e pesca gialla, sentori vegetali di maggiorana e salvia, un delicato profumo di biancospino e delle lievissime note agrumate.

All’assaggio ritroviamo il gusto dolce della frutta esotica, la viva freschezza (leggasi sempre acidità) delle note agrumate, le sensazioni gradevolmente amarognole della frutta secca e del biancospino; ma è soprattutto la sapidità a essere protagonista, racchiusa in una struttura importante in cui le durezze tendono a smorzarsi grazie anche alla componente polialcolica.

Questa nota salina importante, che rende il prodotto saporito e gustoso, lo rende pero un po’ più complesso da abbinare.

 

Come abbinare il Verdicchio Federico II

Complesso è una parola grossa! In realtà anche in questo caso bastano pochi accorgimenti per creare diversi deliziosi abbinamenti, tutti da provare.

Se è la sapidità a far da regina, accompagnata da una buona verve acida, siamo di fronte a delle durezze che attraverso il cibo dobbiamo semplicemente andare a equilibrare.

Bisogna però considerare che, nonostante la grande sapidità, in questo Verdicchio troviamo anche un evidente tenore alcolico (14%) e una buona morbidezza: elementi necessari affinchè le varie durezze di un vino possano risultare comunque piacevoli.

Un vino “troppo” sapido non è certo appetibile e di sicuro sarebbe veramente complesso da abbinare e questo non è certo il caso del Federico II.

Il Verdicchio Federico II dell’azienda Montecappone è un vino sicuramente pronto da assaggiare, che non presenta elementi acerbi, potenzialmente fastidiosi all’assaggio.

Volendo creare un abbinamento, nei cibi andremo a ricercare soprattutto delle tendenze dolci ma non allontaneremo del tutto quegli elementi caratterizzati da un sapore più deciso e pungente, che magari serviranno da contorno alla pietanza principale.

Con il Verdicchio Federico II, annata 2014, abbiamo tantissime possibilità di abbinamento, perfettamente in grado di mitigare ed esaltare allo stesso tempo le principali doti del prodotto.

Abbiamo bisogno di pietanze strutturate, ricche di profumi e di intensi sapori, con una spiccata tendenza dolce.

Risotto spigola e asparagi
Risotto spigola e asparagi

Pertanto, se teniamo conto anche dei possibili abbinamenti consigliati per un Verdicchio di Jesi, come quelli indicati qui, abbiamo un’infinità di primi piatti di mare e verdure tra cui scegliere.

Personalmente trovo che il Verdicchio Federico II si abbini benissimo con un risotto gamberi e calamari, con un risotto con spigola e asparagi oppure con un risotto ai funghi: piatti strutturati, a tendenza dolce, con una buona succulenza e soprattutto ricchi di gusto.

I sapori delicati e “dolci” del riso, del pesce, dei crostacei, dei molluschi e dei funghi saranno vivacizzati dall’importante freschezza e sapidità del vino.

Risotto ai funghi
Risotto ai funghi

Inoltre, con un risotto dai profumi di mare o di bosco e dalla decisa tendenza dolce, riusciremo senz’altro a mettere in evidenza gli aromi caratteristici di questo Verdicchio, rendendo ancora più piacevole la nota salina e assecondandone la struttura importante.

Come accennato sopra, questa stessa struttura, unita alla morbidezza del prodotto, ci permette anche di inserire nelle pietanze elementi sapidi e a tendenza acida.

Di certo non si può escludere un abbinamento di questo vino con una bella orata all’acqua pazza, con un’insalata di gamberi e rughetta oppure con una pasta al pesto genovese: l’importante è contenere la quantità di “durezze” presenti nelle pietanze.

Altri possibili abbinamenti? Se ne possono ideare a volontà, basta seguire gli accorgimenti appena evidenziati: evitiamo di inserire nelle pietanze troppi elementi di durezza che magari possono accentuare la sapidità e la tendenza amarognola del prodotto e via libera a tutti quegli alimenti a tendenza dolce che ormai conosciamo bene.

In questo modo avremo un abbinamento di sicuro successo, con una spesa veramente contenuta.

Se vi è venuta voglia di provare il buon Federico II, potete trovarlo qui, altrimenti qui, al prezzo di circa 9-11 Euro.

One thought on “Il Verdicchio dei Castelli di Jesi Federico II di Montecappone

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>