nero_avola_deliella_header

Il Nero D’Avola Deliella

Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkedin
Share On Reddit
Share On Stumbleupon
Contact us

Direttamente dal Veneto … ecco arrivare un Nero D’Avola.

Cosa possibilissima se si visita l’enoteca dell’azienda Zonin, importante realtà vitivinicola italiana con possedimenti in diverse zone del territorio, e ovviamente anche in Sicilia.

L’azienda Feudo Principi di Butera appartiene proprio alla Famiglia Zonin ed è dalle vigne di questa tenuta che arriva il Deliella, comprato quest’estate e provato qualche giorno fa.

Il Deliella 2011 -dell'azienda Feudo Principi di Butera
Il Deliella 2011 – Feudo Principi di Butera

Un nero d’avola profumato, con netti sentori di prugna, more e sottobosco, con note tostate, leggermente amaricanti, di caffè e liquirizia.

Un vino rosso di corpo, anche se non robusto, sicuramente piacevole a abbastanza morbido.

I tannini sono abbastanza delicati e ben inseriti nella struttura.

Un vino di media freschezza e sapidità, gradevole all’assaggio e con una buona persistenza.

L’unica nota importante da considerare per l’abbinamento con questo Nero d’Avola è la leggera nota amaricante del vino, dovuta probabilmente ai netti sentori tostati, percepibili sia all’olfatto che all’assaggio che contribuiscono ad accentuare le durezze del prodotto.

E’ bene quindi dosare nella pietanza gli elementi a tendenza amarognola.

Ad esempio ho voluto abbinare il Deliella, una prima volta, con un filetto di manzo al bleu, ma devo dire che il formaggio utilizzato, lo Stilton, dal gusto lievemente amaricante, tipico nei formaggi erborinati ha accentuato le durezze del vino.

Al contrario l’ho abbinato, in seguito, con un filetto al grana e salsa al marsala e, in questo caso, data anche la sapidità non eccessiva del vino e la salsa a tendenza dolce, più morbida, in grado di “frenare” i tannini, l’abbinamento è risultato più felice.

Si tratta senz’altro di un vino che si può abbinare bene a carni rosse salsate e con formaggi dalla lunga stagionatura.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>