I Vini per lo Strudel di Mele - BWined
Vini per lo Strudel di Mele

I Vini per lo Strudel di Mele

1

In questo articolo voglio farvi provare alcuni ottimi Vini per lo Strudel di Mele.

Un dolce classico, deliziosamente autunnale e natalizio, semplice ma profumato e delicato, che merita assolutamente di essere esaltato dall’accompagnamento di un buon vino dolce.

Ancora oggi, l’utilizzo dei vini secchi, spumanti o fermi, in abbinamento ai dessert, sembra andare per la maggiore.

Tuttavia, vi consiglio proprio di provare i vini dolci protagonisti di oggi in compagnia di uno Strudel di Mele, per ricredervi su come accoppiate di questo tipo possano risultare fresche e vivaci senza scadere in sensazioni “troppo dolci”.

Pronti a conoscere questi 4 gustosi Vini per lo Strudel di Mele? Procediamo!

 

I Vini per lo Strudel di Mele: che Caratteristiche Cercare nel Vino

Strudel di Mele! Ottimo anche a Natale!
Lo Strudel di Mele! Ottimo anche a Natale!

Una dolcezza assolutamente non eccessiva, la tendenza acidula delle mele, la grassezza della sfoglia, la tipica speziatura data dalla cannella, tanta piacevole aromaticità: sensazioni organolettiche delicate che cercano in un vino un accompagnamento discreto, vivace e non stucchevole (per approfondire le basi dell’abbinamento cibo vino, guarda qui!).

In Italia ci sono tantissimi vini che possono accompagnare con il giusto sapore ed equilibrio un dolce come lo Strudel di Mele; basta scegliere un vino da dessert non troppo strutturato, con spiccata sapidità e buona freschezza, doti perfette per mitigare la pesantezza della sfoglia burrosa, e una media morbidezza, giusto per stemperare l’eventuale acidità della male.

Poi, dopo aver ristretto la cerchia, bisognerà puntare su quei vini con i profumi e il sapore che meglio riesce a estrapolare tutto il tipico gusto dei vari ingredienti: mele, sfoglia, uvetta, pinoli e spezie, tutto va messo in risalto e non coperto, attraverso la scelta del vino giusto.

Ecco quindi che, per voi, ho selezionato quei quattro vini dolci che, dopo attenta ricerca, mi sembrano valorizzare al massimo il gusto classico di un ottimo Strudel di Mele.

Ecco, ve li presento.

 

I Vini per lo Strudel di Mele: 4 Vini dolci da Uve Bianche

 

Dorato - Garofoli
Dorato – Garofoli

1. Dorato Moscato Passito 2015 – Garofoli (Marche)

Albicocche mature, arancia e scorzette di limone candite, caramella mou e brioche dolce alle noci pecan … il Moscato Dorato di Garofoli sembra avere la stessa profumosità di una crostata alla crema pasticcera appena fatta.

Un’aromaticità su note molto dolci ma, sorpresa, all’assaggio troviamo gli stessi profumi in chiave leggera e briosa.

Un sorso e sentiamo subito un’intensa freschezza, una punta di tendenza amarognola, che ricorda il gusto del caramello, e una saporita scia sapida arricchita da note di agrumi canditi.

E’ un passito che amplifica la dolcezza e il gusto delle mele, aggiungendogli sapidità e una dolce speziatura.

Il Dorato ha davvero un gran rapporto qualità prezzo, spesso è difficile trovare vini dolci buoni ed economici.

Lo trovate qui, a circa 12 Euro.

 

Vini per lo Strudel di Mele Verduzzo Jacùss
Verduzzo – Jacùss

2. Verduzzo Friulano 2015 – Jacùss 2015 (Friuli Venezia Giulia)

Profumi dolci, con una punta di amaro, caratterizzano il bouquet di questo Verduzzo: miele di castagno, fichi secchi e datteri, una punta di caramello e orzo tostato, note leggere di cognac e di cannella, una ventata di erbe aromatiche, tra cui salvia e menta.

Sicuramente dei profumi variegati che catturano e invitano all’assaggio.

Un sorso di questo Verduzzo ed ecco che veniamo travolti da un delizioso mix di dolcezza, sapidità e freschezza, avvolto da note natalizie di datteri, caramella mou e biscotti menta e cannella.

Un vino dolce che rallegra il naso, il palato e anche il portafoglio: assolutamente da non perdere in abbinamento allo Strudel di Mele, per quella particolare nota balsamica che riesce a regalargli.

Lo potete reperire qui, a circa 12 Euro.

 

Vini per lo Strudel di Mele Essentia Pojer e Sandri
Essenzia – Pojer e Sandri

3. Essenzia 2015 – Pojer e Sandri (Trentino)

Abbinamento classico tra Strudel di Mele e questo esaltante connubio tra uve tipiche del territorio e internazionali.

L’Essenzia è una vendemmia tardiva ottenuta attraverso un piacevole mix di uve Kerner, Chardonnay, Traminer e Riesling.

Come potete immaginare, i profumi sono tutt’altro che scialbi: albicocche sciroppate, banane disidratate, miele d’acacia, agrumi canditi, note speziate di vaniglia e cannella, una spruzzata di rum.

All’assaggio troviamo subito una decisa dolcezza che, dopo un secondo, cede il passo a una freschezza che riporta con sé il gusto degli agrumi, seguita da una mineralità saporosa che chiude il sorso su note speziate e di frutta secca al rum.

Solo a ricordarlo e a descriverlo, mi vien voglia di riassaggiarlo … e sono le 9 di mattina.

Come potete immaginare, accanto a una fetta di Strudel di Mele con la Panna, fa una figura pazzesca.

Un abbinamento in cui il dolce si arricchisce dei profumi e dei sapori della frutta sciroppata, del rum e viene rinfrescato dall’aromaticità degli agrumi canditi.

Un racconto che non può concludersi che con … wow!

Potete trovarlo qui a circa 20 Euro.

 

Vini per lo Strudel di Mele Bianco di Ornella
Bianco di Ornella

4. Bianco di Ornella 2015 – Ornella Molon Traverso (Veneto)

Una dolce chicca, scoperta da pochissimo in abbinamento allo Strudel di Mele.

Dal Veneto, ecco che mi è arrivata tra le mani quest’armoniosa vendemmia tardiva parziale, da uve Sauvignon, Traminer e Verduzzo.

Profumi dolci e vegetali si contrastano in questo bouquet di aromi ampio e vario: confettura di pesche, albicocche secche, mandorle glassate, melissa, maggiorana, rosmarino, zenzero, vaniglia, macis e agrumi canditi.

Un sorso davvero goloso, morbido e fresco al contempo, con una stuzzicante salinità, percepibile soprattutto in finale d’assaggio, con note di frutta secca, mou alla vaniglia e cenni agrumati.

Forse la scelta più dolce tra quelle proposte, ma ancora deliziosissima in abbinamento al classico Strudel di Mele.

Perfetta contrapposizione tra sapidità di questa vendemmia tardiva e grassezza della sfoglia.

Giusta morbidezza nell’accompagnare l’eventuale tendenza acidula delle mele.

Una piacevole freschezza che alleggerisce il palato dalla dolcezza del dessert.

Un abbinamento in cui il dolce acquista note speziate, si arricchisce di note erbacee e agrumate,  facendo letteralmente esplodere all’assaggio il tipico sapore del ripieno.

Se amate i vini dolci, non potete perdervi questa chicca Veneta … che tra l’altro non sta nemmeno male con la Torta di Mele stile Nonna Papera 😉

Giusto un piccolo consiglio … provatelo e finitelo 😉

Potete trovare il Bianco di Ornella online qui, a 21 Euro.

 

Spero di avervi fatto ricredere sui vini dolci e sulle loro potenzialità … un dessert merita dolcezza.

Per Natale ricordatevi lo Strudel di Mele e i suoi Vini in abbinamento 😉

 

Cheers!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.