Vini per Primi Piatti di Carne Archivi - BWined
Vino per l’Anatra all’Arancia

Un Ottimo Vino per l’Anatra all’Arancia

Lascio l’Inverno con, nel cuore, un grande Vino per l’Anatra all’Arancia. Un rosso che è stato un protagonista inatteso ma perfetto per questo grande abbinamento. Sembrerebbe facile trovare un vino adatto per una ricetta famosa come questa ma, in realtà, con quel suo speciale gioco di contrasti, che la rende così ammiccante, spesso la scelta non è così ovvia.

Quale può essere un gran Vino per l’Anatra all’Arancia? Le risposte sono tante e diverse ma oggi ve ne do una dal successo sicuro.

Un Vino per l’Anatra all’Arancia?

Come lo scelgo? Basta conoscere il gusto di questa particolare ricetta, dai forti contrasti, ricca di profumi, succulenza e persistenza.

Un tratto magnifico di questo secondo è, senza dubbio, l’intensa aromaticità, data dalla caramellizzazione degli zuccheri della carne e dalla marinatura agrumata. Altra caratteristica saliente è, di certo, la grassezza, tipica di una carne come quella d’anatra. Un secondo succoso che, quando ben realizzato, regala la tipica succulenza della cacciagione da piuma ben fusa a quella della salsa, squisitamente sugosa.

Nell’insieme, va considerata anche la soffusa tendenza acidula del piatto, dovuta dalla presenza degli agrumi, comunque già ben equilibrata grazie alla tendenza dolce e alla grassezza della carne.

Ogni assaggio dell’Anatra all’Arancia mette ancora più acquolina in bocca del primo.

Il vino in abbinamento deve esaltare la naturale bontà della ricetta … e come può riuscirci? Scoprilo leggendo di seguito!

Vino per l’Anatra all’Arancia
Quali Vini per l’Anatra all’Arancia?

Vino per l’Anatra all’Arancia? Le Opzioni in Rosso

Date le caratteristiche salienti del piatto, il vino in abbinamento dovrà essere di buona struttura e tenore alcolico, per sostenere l’importanza della ricetta.

Dovrà essere profumato, persistente, percorso dal giusto grado di sapidità e freschezza, doti perfette per vivacizzare e mitigare la tendenza dolce e le grassezze presenti nel piatto.

La componente tannica del vino scelto non dovrà essere eccessiva ma ben inserita nella struttura generale, per non conferire al piatto fastidiose sfumature amare.

Nella ricerca del giusto vino in abbinamento, la tipologia di aromi gioca un ruolo importante, insieme all’equilibrio gustativo. Generalmente, sono i vini rossi i migliori candidati, per struttura, intensità e profumi, ad accompagnare questa ricetta.

Guardando solo al panorama enologico italiano, i Pinot Nero in purezza, prodotti in Trentino Alto Adige e in Friuli, grazie all’armonia dei sapori, alla buona freschezza gustativa e ai netti aromi boschivi, fruttati, floreali e vegetali, sono spesso un’ottima scelta per l’anatra all’arancia o anche solo per un bel pollo arrosto, glassato con una simile salsa agrodolce.

Un’altra ottima scelta, per profumi ed equilibrio gustativo, è rappresentata da quei rossi piemontesi a base di Barbera e di Freisa che uniscono, a ogni sorso, il giusto grado di freschezza, morbidezza e ritorni aromatici.

Altrimenti, le spiccate sensazioni floreali, fruttate e speziate, la struttura piena, quasi masticabile, sapida e fresca, dalla persistenza terrosa dei grandi rossi, a base di uve Nebbiolo, come Barolo e Barbaresco, li rendono spesso ottimi potenziali compagni di questa ricetta.

In quest’ultimo caso, l’importante è scegliere versioni non troppo strutturate, con il giusto mix di acidità, mineralità e avvolgenza.

Vini per l’Anatra all’Arancia? Opzioni in bianco?

Ne abbiamo? Difficile individuare un vino bianco potenzialmente gustoso in abbinamento a un’anatra all’arancia. La stessa natura della carne, della cottura e del condimento sembrerebbero richiedere un struttura così intensa, calda e persistente che difficilmente si può riscontrare in un bianco qualsiasi. Il Vino bianco per l’Anatra all’Arancia deve essere decisamente atipico, caldo e corposo, magari affinato a lungo in legno o ottenuto attraverso una macerazione prolungata delle bucce con il mosto … praticamente vinificato in rosso.

Di certo, i profumi che spesso si riscontrano nei bianchi strutturati possono ben accompagnarsi a quelli così vivamente agrumati della ricetta: l’obiettivo è quello di unire tale aromaticità a un gusto ugualmente denso, deciso e importante … sempre rispettoso di quelle doti di acidità e sapidità che, da sempre, sono il segno più squisito dei vini bianchi.

Per chi vuole sperimentare e osare, suggerisco una bella Ribolla Gialla di Oslavia, carica in sapidità, aromi e corpo.

Vino per l’Anatra all’Arancia
Ribolla di Oslavia Riserva Primosic … un “bianco” ideale per accompagnare anche un’anatra all’arancia

Un Vino per l’Anatra all’Arancia? Scopri il Barolo Paesi Tuoi

In linea con le proposte presentate, ecco un gustoso Barolo, perfetto per accompagnare un’altrettanto gustosa anatra arrosto, in salsa d’arancia.

Il Barolo Paesi Tuoi, classe 2015, prodotto dalla rinomata cooperativa Vite Colte, unisce tipicità e gusto a un ottimo prezzo: un gran rosso piemontese che si beve sempre con piacere, nonostante l’importanza del suo nome.

Un vino che porta la convivialità in tavola grazie a una forza ben misurata, in perfetto connubio con il giusto grado di tannicità e morbidezza. I profumi del Paesi Tuoi sono deliziosamente tipici, con evidenti sensazioni boschive e balsamiche, di erbe e rose, su uno sfondo dolce dominato dalle note dei lamponi. Poco a poco, fanno capolino delicate nuance speziate e tostate, di cannella, liquirizia, pepe nero e caffè. Una giusta misura nei profumi come nei sapori, dove rivela una ricca freschezza e una sapidità più delicata, una trama tannica sottile, ben inserita in una struttura densa, senza essere pesante, conclusa da una persistenza succosa e saporita, con spiccati ricordi fruttati e vegetali … davvero perfetta nell’esaltare il binomio aromatico tra carne arrosto e salsa all’arancia.

Vino per l’Anatra all’Arancia
Barolo Paesi Tuoi 2015 – Vite Colte

Un gran Vino per l’Anatra all’Arancia e ugualmente ottimo anche accanto a un semplice antipasto con assaggi di toma, accompagnati da una marmellata d’arancia o da una confettura di fichi. Un Barolo che riesce a far felici carnivori e vegetariani.

Abbinamenti da grandi sorrisi, tutti facili da provare, soprattutto se consideri che il Barolo paesi Tuoi si può acquistare facilmente online, qui ad esempio, a circa 24 Euro.

Cheers!

p.s. Vuoi altri suggerimenti sui vini da abbinare all’anatra all’arancia. Qui ne trovi altri … anche di più inaspettati!

Abbinamenti Cibo Brunello

Abbinamenti Cibo Brunello: Due Gustosi Esempi

Quello degli Abbinamenti Cibo Brunello è un mondo vasto e incantevole, una vera avventura di sapori.

Data la forza rinomata di un vino come il Brunello di Montalcino sembrerebbere facile suggerire i giusti abbinamenti con il cibo. Sì, a volte. L’insidia, negli Abbinamenti Cibo Brunello, deriva dal gusto e dai profumi particolari che caratterizzano, caso per caso, questo particolare e amatissimo rosso toscano.

L’habitat limitato, in cui vengono coltivate le selezionate uve di Sangiovese Grosso (detto anche “Brunello”), si presenta come un vero e proprio mosaico di micro terroir, diversificabili per via della conformazione geologica del suolo, per il microclima e anche in base al savoir-faire dei vari vigneron. Tutti aspetti che contribuiscono alla creazione di “Brunelli” con una storia, un fascino e delle potenzialità di abbinamento diverse.

Oggi vi voglio raccontare, dalla stessa ottima annata 2015, due Brunelli per degli Abbinamenti molto diversi … ti va di conoscerli? Oltre che per la loro bontà, li ho scelti anche per l’ottimo rapporto valore prezzo che li rende ancora più appetitosi.

Abbinamenti Cibo Brunello
Due Brunelli … Abbinamenti diversi

Abbinamenti Cibo Brunello – Brunello di Montalcino 2015 di Tenimenti Ricci

Un Brunello che non ti aspetti e che ti piace per la sua grande bevibilità. Un rosso più che invitante all’assaggio che non vuol dire poca intensità: il Brunello Ricci ha un suo preciso carattere che lo rende un compagno disinvolto in tavola, un vino con cui è difficile sbagliarsi, specie al momento degli abbinamenti con il cibo.

Nato nel profondo Sud del territorio di Montalcino, tra le colline di Sant’Angelo in Colle, rivolte all’Amiata, conquista per la sua spiccata freschezza, tangibile nei profumi e nel gusto. Con le sue note di ciliegie mature e ribes e le piccanti e balsamiche note del pepe nero e delle foglie d’eucalipto, è un Brunello che dice “bevimi!”

Un gran suggerimento per scoprire un assaggio vibrante nei sapori e, allo stesso tempo, succoso e inaspettatamente leggero, dai duraturi ricordi erbacei e di frutta fresca.

Con una personalità così agile, penetrante nei profumi e vivacizzata da una briosa acidità  – che promette una squisita evoluzione nel tempo – il Brunello 2015 di Tenimenti Ricci diventa una gioia accanto a succulenti carni rosse arrostite, specialmente se accompagnate da ortaggi profumati.

Abbinamenti Cibo Brunello - Brunello di Montalcino 2015 Tenimenti Ricci
Brunello di Montalcino 2015 Tenimenti Ricci

Il compagno vinoso ideale per una tagliata con funghi porcini e qualche lamella di tartufo nero, per un filetto in crosta con crema di verdure o per una succulenta fiorentina con contorno di patate al rosmarino.

Uno degli abbinamenti più deliziosi – a mio parere – lo vede protagonista in tavola accanto a un filetto di maiale con scalogni caramellati: un binomio in cui il gusto della carne si alleggerisce e i profumi del filetto caramellizzato insieme agli scalogni esplodono in una sinfonia gustativa.

Puoi trovare questo particolare Brunello qui, a circa 26 Euro.

Abbinamenti Cibo Brunello – Il Brunello di Montalcino 2015 di Camigliano

Già avevo avuto modo di apprezzarne la forza nel millesimo 2012. Anche in questo recente vintage, questo Brunello biologico, nato nel quadrante Sud-Est del comune di Montalcino, tra i rilievi assolati del paese di Camigliano, vince per la sua forza penetrante, dagli squisiti spunti torrefatti.

Intenso come un caffè espresso e goloso come un mon chéri , sia nei profumi che nei sapori, questo Brunello risulta delizioso e appagante soprattutto grazie a quel suo speciale terzetto, tra dolcezza, speziatura e tostatura, creato dall’unione tra le sensazioni morbide di amarene e quelle calde del caffè, della liquirizia, del cacao e del tabacco da pipa.

Un gusto rinvigorito da tannini ancora giovani, ma già delicati, e da una tenue sapidità ferrosa, mitigata da una persistenza setosa, con ricordi di confettura di ciliegie.

Abbinamenti Cibo Brunello Brunello di Montalcino 2015 Camigliano
Brunello Brunello di Montalcino 2015 Camigliano

Un Brunello dal carattere forte ma ugualmente carezzevole che ama, anche nelle pietanze, i sapori decisi. Se, nel vintage 2012, la sua verve balsamica e i tannini vigorosi lo rendevano uno splendido compagno per dei succulenti secondi di carne, questa versione 2015 è fantastica anche solo con un antipasto vegetariano, a base di formaggi, con assaggi di pecorino di fossa e Grana Padano, accompagnati da una mostarda con noci e fichi.

Altrimenti, il Brunello 2015 di Camigliano è ottimo accanto a dei primi conditi con un abbondante ragù in bianco, con delle belle tagliatelle al caffè come squisito e intenso supporto aromatico.

L’avevo detto che amava i sapori e gli aromi strong! Per osare ancora di più, provalo anche accanto a un filetto di maiale al caffè.

Puoi trovarlo facilmente online, a questo link ad esempio, a circa 25 Euro.

E tu? Quali Abbinamenti Cibo Brunello faresti vincere?

Cheers!

Barbera d'Asti Passum 2016: ottima in un Abbinamento Vino Rosso Pesce

Abbinamento Vino Rosso Pesce? Scopri la Barbera d’Asti Passum

Esperimento gustoso quest’oggi: prova ad assaggiare quest’ottimo rosso da pesce accanto a un trancio di tonno ai peperoni. La Barbera d’Asti, protagonista di questo post, rende giustizia alle sue uve d’origine e piace subito per quel suo temperamento profumato, saporito e ugualmente leggero, capace di sfidare i gusti anche di chi i vini rossi mal li digerisce. Se a questo mix di bontà si aggiunge anche un buon prezzo, ecco che l’abbinamento si tinge di sapori ancora più squisiti. Se da sempre cerchi la soluzione all’annosa questione dell’Abbinamento Vino Rosso Pesce, allora non dimenticare la Barbera d’Asti Passum.


Barbera d'Asti Passum 2016: ottima in un Abbinamento Vino Rosso Pesce
Barbera d’Asti Passum 2016: ottima in un Abbinamento Vino Rosso Pesce

La Barbera d’Asti Passum: Gioiello della Cascina Castlet


Prodotta dalla cascina Castlet, tra le colline verdeggianti di Costigliole d’Asti, questa Barbera in purezza ben riflette quel rapporto benefico che lega la famiglia Borio, custode della Tenuta da ben tre generazioni, alla sua terra e ai suoi frutti … e quelli della Passum sono acini davvero speciali.

Nati da vecchie vigne, ad alta densità d’impianto, vengono selezionati, raccolti e messi brevemente ad appassire, in appositi fruttai ben ventilati per mantenere in perfetta salute i grappoli.

Frutti che, oltre che sulla pianta, si arricchiscono anche dopo la vendemmia, coccolati da quella speciale idea di Maria Borio che ha dato i natali e ha determinato il successo di questa Barbera.

La Barbera d’Asti Passum: Colore, Profumi e Gusto

Già nei profumi, questo rosso ha i colori del cuore e, all’olfatto mette bene in mostra i suoi profumi più tipici e territoriali, con note di lamponi e fragoline in confettura, ciliegie, violette, erba tagliata e una bella spruzzata di pepe verde a condire ancora di più il fascino di questo paniere d’aromi.

Il gusto è ugualmente invitante, così succoso in quei ritorni che tanto ricordano la prime ciliegie di stagione. Nonostante l’evidente calore, grazie ai particolari risvolti erbacei, quasi balsamici, ogni suo sorso risulta piacevolmente fresco.

Si beve con gioia in tanti abbinamenti … ma uno di questi in particolare mi ha davvero stupita e spero risulti sorprendentemente gustoso anche per te, se ti va di sperimentarlo 😉

Abbinamento Vino Rosso Pesce: questa Barbera è ottima anche con un tonno in agrodolce
Abbinamento Vino Rosso Pesce: questa Barbera è ottima anche con un tonno in agrodolce


La Barbera d’Asti Passum: perfetta per un Abbinamento Vino Rosso Pesce

Così profumata, così morbida, così piena e avvolgente. E’ chiaro che merita di essere scomodata, nonostante il prezzo super appetitoso, per occasioni degne di essere celebrate. Con il suo fascino disinvolto la potresti assaporare ogni giorno ma, anche se sta bene con un semplice tagliere di soppressata e Asiago mezzano, dà il meglio con ricette ben profumate e più sugose.

Ottima con le classiche fettuccine al ragù, questa Barbera sposa molto bene il gusto di un pollo ai peperoni e – senti senti – anche di piatti di mare succulenti. Con il gusto tendenzialmente dolce e carico di aromi di un filetto di tonno ai peperoni, appena scottato e arricchito da una spruzzata di pepe, il sapore del mare emerge senza essere sopraffatto, cullato dalla morbidezza del vino.

Una ricetta ricca che ben si sposa con il fascino boschivo e poliedrico di questa Barbera che ama i piatti caratterizzati da salse aromatiche e gli ortaggi profumati, come melanzane e peperoni.

Non vedo l’ora di provarla anche con degli spaghetti al ragù di polpo! Chissà che delizia di aromi e sapori.

E tu l’hai mai assaggiata? Raccontami le tue impressioni e abbinamenti.

Se ancora devi conoscerla, puoi trovarla facilmente qui, a circa 21 Euro.

Cheers!

Vino e Tartufo: due grandi Rossi italiani in Abbinamento

Vino e Tartufo: due grandi Rossi italiani in Abbinamento

Aaah, vino e tartufo: uno degli abbinamenti cibo vino più raffinati, ricercati e apprezzati. Certo che con il tartufo si possono creare tante pietanze diverse. Se per degli antipasti a base di uova e per le paste condite con tartufo, sia bianco sia nero, si ama l’accompagnamento di bianchi freschi e aromatici e di spumeggianti e cremosi metodi classici, per i primi e i secondi di carne, nonché per i formaggi, il rosso rappresenta indubbiamente la scelta più azzeccata e gustosa. Ma quale rosso per le molte ricche ricette con protagonista il tartufo?

Oggi te ne presento due, fantastici nell’accompagnare l’aromaticità e il gusto intenso del tartufo, specialmente di quello nero di Norcia che ben si presta alla realizzazione di ricchi ragù e arrosti di carni rosse.


Vino e Tartufo: il Montepulciano Divus e il Ragù più profumato che c’è!


Un buon Montepulciano d’Abruzzo spesso rappresenta la scelta perfetta per impreziosire di gusto e intensità i primi conditi con diversi ragù, magari con qualche pregevole e sfiziosa variante. E’ una tipologia di vino che ben si abbina ai profumi del bosco, che ama l’accompagnamento delle erbe aromatiche e il tocco fascinoso dei funghi … non solo sulle carni ma anche nei sughi.

In particolare, il Montepulciano Divus, creato dalla rinomata e storica Cantina Ciavolich, grazie ai suoi aromi fruttati e al gusto caldo, tannico e intenso, dotato anche di piacevole freschezza, riesce benissimo a esaltare il gusto e la succulenza sugosa di un piatto di pappardelle al ragù con tartufo nero. Un Montepulciano dall’equilibrio ideale anche per apprezzare dei semplici assaggi di pecorino al tartufo, guarniti con qualche goccia di miele d’acacia.

Vino e Tartufo: il Montepulciano d'Abruzzo Divus 2016 di Ciavolich
Vino e Tartufo: il Montepulciano d’Abruzzo Divus 2016 di Ciavolich


Vino e Tartufo: il Cabernet Franc La Roncaia per la più succulenta Tagliata del 2021!

Ecco un vino che è una sorpresa di gusto, graffiante nelle sue note vegetali, ricco di freschezza e di una persistenza dalle calde note speziate: uno di quei rossi che si bevono con meravigliosa facilità e tanto piacere! Con i suoi profumi di timo ed erba tagliata, i delicati accenni al sottobosco e le soffuse nuance di more e mirtilli, questo Cabernet Franc friulano riesce bene a estrarre tutta la forza aromatica del tartufo nero pregiato. Accanto a una tagliata con scaglie di tartufo nero di Norcia e timo, insaporisce la carne e rende profumi e sapori incredibilmente persistenti. Come Il Divus, anche questo Cabernet Franc, creato dall’Azienda La Roncaia, con uve cresciute sulle colline di Nimis, è ottimo nell’accompagnare un semplice tagliere con assaggi di Moliterno al tartufo nero e speck.

Vino e Tartufo: il Cabernet Franc 2016 di La Roncaia
Vino e Tartufo: il Cabernet Franc 2016 di La Roncaia

Vino e Tartufo: Abbinamenti Gustosi e Ottimo prezzo

A completare il quadro di bontà in questo binomio Vino e Tartufo, arrivano gli appetitosi costi.

Entrambi i vini si acquistano online a un costo poco superiore ai 10 euro… Due ottime scelte per nobilitare, con gusto e semplicità, il fascino del pregiato tartufo nero!

Montepulciano d’Abruzzo Divus 2016 Ciavolich: lo puoi trovare qui, a circa 11 Euro

Cabernet Franc 2016 La Roncaia: lo puoi trovare qui, a circa 13 Euro

Se questi due veloci suggerimenti su Vino e Tartufo non ti bastano, allora dai un’occhiata anche ai seguenti articoli!

Il Cabernet Sauvignon Salomone: un gran Rosso per tanti Abbinamenti

Il Cabernet Sauvignon Salomone: un gran Rosso per tanti Abbinamenti

Quando un vino è buono lo racconti subito: è questo il caso del Cabernet Sauvignon Salomone di Fattoria di Monticello, una vera miniera di sapore a un ottimo prezzo.
Un rosso che rende giustizia alla tipica forza dei grappoli con cui viene realizzato, ottimo per accompagnare, grazie a decise note balsamiche, tanti antipasti, primi e secondi succulenti. Se vuoi scoprire tutto il fascino di questo vino umbro, continua la lettura!


Il Cabernet Sauvignon Salomone: Colore, Profumi e Gusto


Il Salomone è gagliardo già nella sua colorazione rubino: una tonalità di gran carattere per un vino dall’intrigante e ben definita personalità. Un rosso dalle nuance boschive, con penetranti note di erbe su un sottofondo dalle morbide sensazioni fruttate, di confettura di fragole e frutti di bosco assortiti, definito anche da delicati accenni speziati, di pepe nero e chiodi di garofano. Un vino di giusta morbidezza all’assaggio, percorso da una trama tannica sottile e raffinata, ritmato da una spiccata mineralità e firmato da una persistenza dall’impronta balsamica, su setosi ritorni di more e lamponi. Già a delinearlo così … vien voglia di (ri)assaggiarlo: un Cabernet Sauvignon che fa della sapidità e delle nette sensazioni vegetali il suo lato più sfizioso e peculiare.

Il Cabernet Sauvignon Salomone 2016
Il Cabernet Sauvignon Salomone 2016

Il Cabernet Sauvignon Salomone: i Migliori Abbinamenti


Questo rosso dell’Umbria è fantastico accanto a tanti primi conditi con sughi di carne importanti, anche di cacciagione, carichi di aromi e dalla morbida saporosità. Abbinamenti succulenti che rendono giustizia all’eleganza dei suoi tannini e al calore di ogni suo sorso.
In particolare, vista la sua accesa sapidità, è un rosso che sta bene accanto a salse di pomodoro in cui regnano la tendenza dolce e i profumi delle erbe officinali, come il timo, il rosmarino e la menta. Delizioso con un ragù di salsiccia, impreziosito da foglie di alloro e altri aromi, è imperdibile anche con il cosciotto d’agnello alle erbe, con la tagliata porcini e tartufo, con le pappardelle al ragù di lepre e accanto a formaggi non troppo sapidi, piccanti o stagionati, come la Casciotta d’Urbino al tartufo nero o il Montasio Fresco.

Un vino di carattere e, al contempo, equilibrato, vibrante di un’aromaticità ben percettibile anche al gusto: il rosso ideale per accompagnare un intero pasto, dagli antipasti ai secondi di carne.

Il Cabernet Sauvignon Salomone 2016: ottimo con primi piatti conditi con ragù profumati di carne
Il Cabernet Sauvignon Salomone 2016: ottimo con primi piatti conditi con ragù profumati di carne
Il Cabernet Sauvignon Salomone 2016: ottimo con carni rosse arrostite, profumate alle erbe aromatiche
Il Cabernet Sauvignon Salomone 2016: ottimo con carni rosse arrostite, profumate alle erbe aromatiche

Il Menù ideale per apprezzare il Salomone al meglio

Un vino delizioso da solo che si arricchisce di bontà e dona sfumature ancora più gustose ai cibi a cui si accompagna: il vero obiettivo di ogni abbinamento cibo – vino, migliorare il nettare e le pietanze.

Oltre alle ricette appena riportate, Il Cabernet Sauvignon Salomone, di Fattoria di Monticello, sa bene come accompagnare anche tutti i piatti del seguente menù … senza mai venirti a noia!

  • Crostini al Tartufo e Formaggio
  • Tagliatelle al ragù di salsiccia, con pomodorini secchi
  • Filetto di manzo con bacon croccante e funghi saltati

Che dire se non: Cheers!

p.s. Puoi trovare il Cabernet Sauvignon Salomone, di Fattoria di Monticello, qui, a 15 Euro.

Il Nuvola Rosato di Sant’Eufemia: un Gran Vino per la Parmigiana di Melanzane

Il Nuvola Rosato di Sant’Eufemia: ottimo per la Parmigiana di Melanzane

I rosati sono vini intramontabili … e quello protagonista di oggi ha davvero i colori di un cielo al primo tramonto. Un vino che sta potenzialmente bene con così tante pietanze che faccio fatica a ricordarmele. Se, tuttavia dovessi scegliere l’abbinamento del cuore, per l’ottimo Nuvola Rosato di Sant’Eufemia allora mai potrei dimenticare quanto è buono con una bella parmigiana di melanzane.

Che dici? Ti va di assaporarne un calice … o magari più?

Il Nuvola Rosato 2019 di Sant’Eufemia, da uve di Syrah

Il Nuvola Rosato di Sant’Eufemia: Colori, Profumi e Gusto

Spesso, sulla tonalità di un vino si tende un po’ a glissare … e va bene, spesso lo faccio anche io. Però questo rosato del Lazio ha colore da vendere: un rosa così piacevole alla vista che andrebbe inserito nelle tonalità Pantone per l’anno venturo! I suoi profumi non sono da meno e ti fanno ben lievitare, in stile nuvola kinton, grazie a spiccati aromi di fragoline di bosco e di petali di rosa, guarniti da note rinfrescanti di erbe aromatiche, come basilico e origano, e una punta piccante, al pepe nero. Come c’era d’aspettarsi, il Nuvola è buonissimo anche all’assaggio, grazie a un’anima succosa, ricca di una sapidità dai richiami salini, dotata di una bella persistenza con ricordi fruttati e lievemente balsamici. Un Rosé che, una volta provato, si vuole assaggiare ancora e ancora … magari con abbinamenti sempre diversamente sorprendenti, perché il Nuvola Rosato di Sant’Eufemia riesce a sposare tante ricette deliziose!

Il Nuvola Rosato 2019 con una bella Parmigiana di Melanzane

Il Nuvola Rosato di Sant’Eufemia: un Gran Vino per la Parmigiana di Melanzane e oltre!

Con quei suoi riverberi freschi ed erbacei e il gusto sapido, ammorbidito dai ricordi delle fragole, questo Rosato, da uve di Syrah, è sempre un’ottima scelta per accompagnare piatti dove l’aromaticità del pomodoro, fresco o in salsa, accompagna il gusto delicatamente salino del pesce e dei molluschi.

Un vino ottimo con dei paccheri al sugo di calamari, con delle triglie in guazzetto, con un risotto al salmone e finocchietto selvatico, con delle linguine al ragù di pesce spada,  anche solo accanto alla semplicità di una bella pizza bianca farcita di porchetta. Tanta freschezza e sapore per un vino che esalta alla perfezione la tendenza dolce e la grassezza non solo del pescato ma anche delle carni bianche e di alcuni salumi, ottimo in abbinamento alle seguenti pietanze:  straccetti di pollo ai peperoni, coniglio in umido, gnocchi fritti con mortadella, piadina con ciauscolo e squacquerone.

Accanto alla succulenza di una Parmigiana di Melanzane, il Nuvola diventa ancora più speciale, proprio grazie a quel suo tocco sapido, sugoso, fresco e delicatamente erbaceo, che esalta per benino tutti gli ingredienti di quest’intramontabile ricetta. Un unico consiglio: mai eccedere con il Parmigiano o altri ingredienti saporiti, per rispetto alla viva mineralità che così bene contraddistingue quest’ottimo rosé, firmato Sant’Eufemia.

Cheers!

p.s. Puoi trovare il Nuvola Rosato di Sant’Eufemia direttamente sul sito del produttore, a circa 10 Euro.

p.p.s. Se cerchi altri vini da abbinare a una Parmigiana di Melanzane, dai un’occhiata qui:

Il Fiammingo di Sant’Eufemia: un Ottimo Vino per l'Amatriciana

Un Ottimo Vino per l’Amatriciana



Ancora un ottimo Vino per l’Amatriciana? Ancora un gran vino per l’Amatriciana! D’altronde, siamo di fronte a un abbinamento cibo-vino così buono che le scelte non sono mai abbastanza.
Principe di oggi è un Merlot del Lazio, saporito, dall’appeal morbido, guarnito d’invitante freschezza… Il suo nome è Fiammingo!

Il Fiammingo di Sant’Eufemia: un Ottimo Vino per l'Amatriciana
Il Merlot Fiammingo 2018 – Sant’Eufemia

Il Fiammingo: Colore, Profumi e Gusto


Bello a vedersi, nella sua veste vivida, color rubino, e altrettanto appetitoso nei suoi profumi. Prodotto dall’Azienda Agricola biologica Sant’Eufemia, questo Merlot in purezza si fa testimone del suo territorio pontino d’origine, regalando vividi profumi di macchia mediterranea. Al Fiammingo appartiene la fresca dolcezza dei lamponi e delle ciliegie, la forza balsamica delle foglie di menta e del timo, l’eleganza floreale dei ciclamini. Un vino che piace tanto ai profumi, quanto al momento dell’assaggio.
Di questo Merlot apprezzerai subito il tocco setoso, guarnito da un’acidità dai chiari riverberi erbacei. Nel carattere del Fiammingo 2019  troverai anche il mare, grazie a un sapore dai nitidi ricordi salini, che ti fa pensare agli scogli della spiaggia di Torre Astura e alle conchiglie sulla sabbia.
Un vino rosso che ho trovato incantevole e ben equilibrato, anche nel caldo di questi primi pranzi estivi, soprattutto accanto a un piatto dal gusto intenso, com’è proprio l’Amatriciana.

Il bel colore rubino del Fiammingo 2018 di Sant'Eufemia
Il bel colore rubino del Fiammingo 2018 di Sant’Eufemia

Il Fiammingo di Sant’Eufemia: un Ottimo Vino per l’Amatriciana


Profumi ben delineati e un gusto goloso, ricoperto da una soffice coltre di fresca sapidità: ecco perchè il Fiammingo si rivela un ottimo Vino per l’Amatriciana.
In ogni bicchiere di questo Merlot c’è il giusto tocco di sapore, per sgrassare la pesantezza innata del guanciale, unito a una perfetta pennellata rinfrescante che insaporisce la pseudo-dolcezza della pasta e dalla salsa di pomodoro.
Un abbraccio di giusta morbidezza, ideale nell’accompagnare, senza stonature, la sapidità del guanciale e, sopratutto, del Pecorino.
Quei suoi sfiziosi profumi balsamici, la dolcezza delle note fruttate, unita a una mineralità finale, persistente e marina, contribuiscono a prolungare la nota sapida della pietanza e lo squisito tocco piccante del pepe.

Un piatto di Spaghetti all'Amatriciana
Un piatto di Spaghetti all’Amatriciana


Una grande armonia, facile da ricercare e da ottenere, grazie all’ottimo prezzo del  Fiammingo: un rosso del Sud del Lazio che, di fronte alla complessa semplicità di una tipica Amatriciana, sa bene come sfoderare tutti i suoi lati più gustosi.
In questo particolare abbinamento, il tocco di speciale golosità arriva proprio dalle note di erbe aromatiche e menta che rendono ogni assaggio saporito e, insieme rinfrescante … ecco, quest’ultima è forse l’unica qualità che manca veramente in un succulento piatto d’amatriciana.

Per fortuna che arriva il Fiammingo a compensare … Cheers!

p.s. Puoi trovare il Fiammingo online, direttamente sul sito del produttore, a circa 9 Euro.

p.p.s. Se ti piace avere una scelta più ampia, allora dai un’occhiata anche a questi altri articoli, con protagonisti altri vini ugualmente squisiti accanto a un’Amatriciana!

Il Chianti dei Colli Senesi Caspagnolo 2019: un Ottimo Vino per la Faraona alle Nocciole e Alloro

Un Ottimo Vino per la Faraona alle Nocciole e Alloro

In questo articolo, troverai un grande abbinamento, con protagonista un rosso tipicamente toscano, dalla piacevolissima freschezza, e un raffinato secondo di carni bianche, impreziosito dall’aggiunta della frutta secca.

Un pasto che ha il gusto di una raffinata cena gourmet, accompagnato da un gustoso Chianti dal piccolo prezzo, acquistabile a meno di 9 Euro (come a questo link, ad esempio).

Per mangiare e bere con gusto bisogna spesso spendere cifre difficili? Ho sempre pensato di no e, con questo gustoso Vino per la Faraona alle Nocciole e Alloro, voglio persuadere anche te … proprio grazie alla piacevolezza di un wine-food pairing che difficilmente si scorda 🙂

Il Chianti dei Colli Senesi Caspagnolo 2019 : Colore, Profumi e Gusto

Raccontato dalla Dea Pomona, fruttuoso simbolo dell’azienda Villa Poggio Salvi, di Montalcino, il Caspagnolo nasce da uve di Sangiovese unite a una piccola percentuale di Merlot. Con questo rosso, dall’intenso colore rubino, la natura intorno al borgo storico di Monteriggioni è stata particolarmente generosa. Figlio di una fantastica vendemmia, questo Chianti rivela penetranti profumi di confettura di ciliegie, frutti di bosco freschi ed eleganti note floreali che ti ricordano gli intensi profumi delle viole mammole e la bellezza delle peonie, proprio ora in fioritura.

A ogni assaggio, il Caspagnolo dimostra un piacevole equilibrio, un gusto dai tannini soffusi, morbido e fresco al punto giusto, dalla delicata sapidità, con una persistenza che ti farà riscoprire tutta la genuina dolcezza di un cestino di lamponi appena colti.

Chianti Colli Senesi Caspagnolo 2019 - Villa Poggio Salvi
Chianti Colli Senesi Caspagnolo 2019 – Villa Poggio Salvi

Il Chianti dei Colli Senesi Caspagnolo 2019: un Ottimo Vino per la Faraona alle Nocciole e Alloro

Grazie al sapore bilanciato e ai suoi tannini rotondi, questo è un rosso toscano che può compiere tante acrobazie negli abbinamenti con il cibo. Ottimo con le paste al ragù, anche in bianco, di Chianina e di lepre, con le carni cotte alla brace, è il compagno ideale anche di molti primi e secondi, a base di pollame e cacciagione da piuma, caratterizzati da profumi intensi. Nella scelta delle pietanze da accompagnargli, determinanti sono  proprio le note aromatiche del Caspagnolo, delicate e persistenti, che gli conferiscono un fascino davvero sfizioso, capace di impreziosire le sensazioni tenui, tendenzialmente dolci e fragranti delle carni e della frutta secca.

Proprio accanto a una faraona con nocciole e alloro, il Caspagnolo diventa ancora più ricco di sapore e sfizioso: il gusto morbido della confettura di ciliegie accompagna la delicata tendenza amarognola delle nocciole e la loro mite sapidità, mentre le note floreali, unite ai ricordi di frutti rossi, rendono irresistibili i profumi campestri di questa pietanza.

Un abbinamento in cui riuscirai ad apprezzare al meglio ogni singolo aspetto del vino e della ricetta: un modo perfetto per rendere giustizia a una gustosa faraona e al suo condimento, a base di erbe aromatiche e nocciole croccanti.

Un abbinamento cibo vino che ti trasporterà magicamente sulle colline di Monteriggioni, regalandoti profumi e sapori dal fascino antico e bucolico.

Se hai l’opportunità di sperimentarlo di persona, racconta la tua esperienza, qui su BWined.

Cheers!

’Antigua di Santadi: un Ottimo Vino Rosso per la Gricia

Un Ottimo Vino Rosso per la Gricia

La versione storica “in bianco” della nota Amatriciana è, ancora una volta, protagonista su BWined. Sarà che si tratta di una ricetta così buona che val sempre la pena scovare un ottimo Vino Rosso per la Gricia.

Un nuovo abbinamento che, a un piatto della tradizione, sincero ed economico, abbina un vino, dotato sempre di un ottimo rapporto qualità prezzo, prodotto a partire da un vitigno autoctono,.

Stavolta, il vino rosso protagonista arriva dalla Sardegna!

Curiosi? Leggete oltre!

L’Antigua di Santadi: Colore, Profumi e Gusto

Una Monica di Sardegna, prodotta con cura e passione dalla celebre Cantina Sociale Santadi.

Un rosso, con dei profumi così invitanti e un gusto così godibile, che assaporeresti ogni giorno.

Un’aromaticità semplice, gustosa e genuina, che profuma di prugne, more e amarene, con complici note balsamiche di timo e rosmarino: un bicchiere, dal color porpora, di fronte al quale è difficile resistere.

Un richiamo accolto che conduce a un assaggio simile a un morbido abbraccio, rinvigorito da un tannino delicato  e da una piacevole sinergia tra freschezza e sapidità.

Non è un caso che questa appetitosa Monica stia benissimo accanto a un piatto di pasta alla Gricia!

Antigua di Santadi: un Ottimo Vino Rosso per la Gricia
Antigua 2018 Monica di Sardegna – Cantina Santadi

L’Antigua di Santadi: un Ottimo Vino Rosso per la Gricia

L’Antigua è un rosso che ha davvero tutto per accompagnare al meglio il tipico sapore di una Gricia.

Un vino dotato di buon equilibrio, caldo senza eccessi, con dei tannini già smussati e ricco di freschezza e sapidità: doti in armonia che conferiscono grande piacevolezza a ogni sorso.

Insieme all’Antigua, il guanciale sembrerà golosamente croccante e mai grasso e unticcio, la pasta sembrerà ancora più saporita e la piccantezza del pepe verrà addolcita dalla piena rotondità di questo nettare rosso.

Un vino e un abbinamento grazie al quale la vostra Gricia acquisterà una carica gourmet in più: una storia di sapore, buonissima ed economica, a cui è difficile dire di no!

Potete trovare la Monica di Sardegna Antigua di Santadi qui, a circa 7 Euro.

p.s. Se poi questo Vino Rosso per la Gricia non ti basta, di seguito trovi altre golose opzioni di abbinamento!

Il Negroamaro Elo Veni: un ottimo Rosso da Pesce

Il Negroamaro Elo Veni: un ottimo Rosso da Pesce

A regnare in questo articolo è un rosso di una rinomata azienda vinicola pugliese, uno sfizioso e tipico Negroamaro con un carattere davvero perfetto per esaltare profumi e sapori della cucina di mare.

Quindi, se sei sempre alla ricerca di un ottimo rosso da pesce, ti suggerisco la scoperta e, soprattutto, l’assaggio dell’Elo Veni di Leone De Castris!

Dammi un attimo, che provo a raccontartelo per benino 🙂

Il Negroamaro Elo Veni: Profumi e Gusto

Un rosso pugliese dalla squisita personalità, un vino che cattura con profumi capaci di stupire e invogliare.

Scorda per un attimo la dolcezza dei frutti rossi, per inebriarti di penetranti sensazioni floreali ed erbacee, con note di ciclamino, di petali di rosa e di lavanda e accenni di timo e rosmarino. Profumi che si ampliano con dei leggeri accenni speziati che richiamano la dolce delicatezza della cannella.

Solo in sottofondo, ecco comparire timidamente i dolci e freschi aromi del ribes rosso e dei mirtilli freschi.

Un Negroamaro dalla piacevole potenza rinfrescante, delicatamente sapido, e dotato di una persistenza gustativa dove riemergono le note floreali e i ricordi minerali, delicatamente marini.

Un rosso affascinante, dal gusto sicuramente particolare, piacevolissimo nella sua tipicità salentina.

Non è un caso che il Negroamaro faccia già bella figura in questa lista di vini ben adatti a sposare le pietanze a base di pesce, crostacei e molluschi

Però, in dettaglio, con quali gustosità mangerecce questo particolare Negroamaro, firmato dall’esperienza dell’azienda Leone De Castris, può rivelare il suo lato più goloso?

Scopriamolo!

Il Negroamaro Elo Veni 2018 - un ottimo rosso da pesce
Il Negroamaro Elo Veni 2018

Il Negroamaro Elo Veni: un ottimo Rosso da Pesce

Nonostante il forte impatto saporifero di ogni sorso, l’evidente calore e la persistenza di gran carattere, l’Elo Veni è un vino che, grazie ai profumi e alla particolare freschezza, riesce proprio bene a esaltare gli aromi e i sapori di quei piatti dove il mare è protagonista.

Un rosso che non può sfuggire a un goloso abbinamento con una zuppa di pesce, con un cacciucco alla livornese, con un trancio di tonno in agrodolce, con un filetto di pesce spada con pistacchi e songino, glassato all’aceto balsamico di Modena o con dei roll fusion con anguilla, cipolle croccanti e salsa maionese piccante.

Piatti di mare ben succulenti, dotati di spiccata aromaticità, squisitamente salsati e dotati di delicata grassezza: caratteristiche che trovano la giusta esaltazione nella briosa acidità, nella ricca e profonda profumazione, nell’abbraccio caloroso e delicatamente tannico di questo gustoso Negroamaro.

Un rosso pugliese dall’ottimo prezzo che si rivela davvero una grande scoperta per chi, assieme alle ricette di pesce, non può fare a meno della classica e sontuosa intensità che solo un buon rosso sa regalare.

E con le carni? Non abbinate l’Elo Veni con degli straccetti o delle tagliate di manzo quanto piuttosto con ricette più saporite, come degli involtini di pollo ripieni di Canestrato di Moliterno o delle orecchiette con ragù d’agnello e piselli.

Scopri anche tu il Negroamaro Elo Veni di Leone De Castris e dimmi cosa ne pensi abbinandolo ai piatti di pesce o di carne!

Puoi trovarlo online facilmente, come qui ad esempio, a circa 8 Euro.

Cheers!