Giulia Bwined, Autore a BWined
Abbinamento Vino Sushi – Due succose opzioni

Abbinamento Vino Sushi – Due succose opzioni

Quando si parla di Abbinamento Vino Sushi si apre un mondo altamente godereccio e ricco di numerose possibilità. Questo perché, in una chiave globale, il sushi viene oggi rivisitato in infinite versioni, attraverso appetitose contaminazioni con le tradizioni culinarie con cui s’incontra. Per queste ragioni, è difficile trovare una sola tipologia di vino capace di abbinarsi sempre bene con il sushi … però ci si prova sempre, anche cercando in posti esotici oppure in angoli sotto casa, dotati di fascino.

I vini per il sushi che ti propongo oggi si trovano agli antipodi: da una parte il fascino nostrano di un appetitoso bianco pugliese, caldo e carico di sapore, come solo i vini di questa regione sanno essere, dall’altra un bianco lontanissimo, della Nuova Zelanda, dal carattere succoso ed estivo.

Chi vincerà? Decidilo tu!

Calce Viva 2019– Cantina Placido Volpone

Una Falanghina particolare … sempre ottima accanto a pesce e verdure ma, stavolta, interpretata in una chiave piacevolmente intensa e avvolgente, con un piccolo contributo di uve di Malvasia. Il Calce Viva nasce da grappoli coltivati nell’assolata campagna dell’antica Herdonia, in provincia di Foggia. Un vino con un nome che è stato scelto in omaggio al territorio, a ricordare la tipica opus reticulatum che costituiva la muratura della antiche abitazioni del sito archeologico vicino all’azienda.

Abbinamento vino sushi Calce Viva 2019 - Placido Volpone
Calce Viva 2019 – Placido Volpone

Accogliente ancora prima di essere gustoso, il Calce Viva regala profumi intensi di pesche nettarine, melone, ananas e verbena. Fiori e frutti anche all’assaggio che si rivela deliziosamente persistente, specialmente nel suo caloroso tocco fruttato. Con il suo gusto morbido, percorso da un’evidente sapidità marina e una rinfrescante acidità, è un vino che smorza bene la sensazione di grassezza tipica di un Philadelphia o di un Tempura Roll. Allo stesso modo, quel suo speciale sprint di freschezza e l’eco aromatica estiva sono proprio ciò che serve per impreziosire il semplice sapore di un nigiri al salmone o di un riso venere saltato con gamberi.

Lo puoi trovare online qui, a circa 8 Euro.

Sauvignon Blanc Hans Greyl 2019

Questo Sauvignon Blanc neozelandese, dall’ottimo prezzo, ben incarna la tipicità delle sue uve, coltivate nel terroir costiero di Marlbourough. Un Sauvignon dall’appeal tropicale e vegetale, con note evidenti di mango, lime, uva spina, passion fruit, verbena ed erba tagliata. Anche all’assaggio, la sua verve esotica si manifesta alla perfezione, con una lunga persistenza su note fruttate, insaporita da note iodate marine e resa ancora più fresche da un lungo finish con ricordi di uva spina e agrumi.

Abbinamento Vino Sushi Hans Greyl Sauvignon Blanc 2019
Hans Greyl Sauvignon Blanc 2019

Un vino che, in generale, sposa benissimo le ricette in cui la frutta esotica incontra i formaggi cremosi e i pesci grassi, come tonno e salmone, e le fritture di crostacei. Un bianco che esalta piacevolmente il tocco aromatico, solo delicatamente amaro, della granella dei pistacchi e la freschezza dolce e succosa di un bell’ananas o di un succoso mango.

Da queste premesse, questo Sauvignon sembra proprio nato per sposare i crudi di pesce in stile internazionale. Dipende ciò che si ama di più: se si predilige un contrasto maggiore, allora questo Sauvignon è fantastico con dei roll Philadelphia, salmone e pistacchio. Se, al contrario, si amano i sapori più morbidi e dolci, meno contrastanti, allora questo vino è perfetto per dei fusion summer roll, dove la cremosità del Philadelphia e del pesce crudo incontra la dolcezza del mango.

Abbinamento Vino Sushi Sushi Fusion Home Made di salmone, arricchito con Philadelphia, Mango e Granella di Pistacchi
Sushi Fusion Home Made di salmone, arricchito con Philadelphia, Mango e Granella di Pistacchi

Una sicurezza quando si parla di vini da pesce e abbinamento vino sushi, un bianco così minerale da insaporire il tocco dolce del pescato e, allo stesso tempo, cremoso quel che basta per non accentuare eventuali asprezze e durezze di un piatto.

Lo puoi trovare online qui, a circa 11 Euro.

Per altri suggerimenti sul tema Abbinamento Vino Sushi … le scelte sperimentate – gustosissime – sono ancora molte. Dai pure un’occhiata ai seguenti articoli!

Vini per la Peperonata

Due Vini per la Peperonata

Il miglior modo per esaltare il fascino aromatico di una gustosa peperonata, accompagnata da qualche crostino alle olive? La compagnia di un vino rosato!

Ecco perché oggi ti voglio raccontare il gusto sorprendente di due rosé, fantastici nei sapori, nel prezzo e davvero ottimi vini per la peperonata!

Quali  Vini per la Peperonata?

Quali sono i migliori Vini per la Peperonata? Vista l’inconfondibile profumosità dei peperoni e della salsa di pomodori che li accompagna, i vini in abbinamento dovranno essere ugualmente carichi di aromi persistenti. All’assaggio, una bella peperonata, oltre alla sua vivida e tipica sugosità, rivela una piacevole sapidità, talvolta accompagnata anche da una delicata piccantezza. Pertanto, il vino dovrà anche dimostrare una discreta morbidezza per non accentuare eccessivamente le note piccanti e salate presenti.

Nello sposare gli aromi penetranti della ricetta, trovo che la parte da leone la giochino i vini rosati, specialmente se a base di uve di Aglianico, Negroamaro, Primitivo e Gaglioppo. Capaci di dar vita a rossi intensi e carichi di sapori, sono uve che, anche quando declinate in versione rosé, perdono di poco la loro forza, rivelando vini morbidi e profumosi.

Due Vini Rosati per la Peperonata

Rosàntica 2019 – Placido Volpone

Tutta la forza delle uve di Aglianico e di Sangiovese cresciute sotto il sole pugliese, respirando le brezze marine che sferzano le vigne della Tenuta Placido Volpone, situata vicino al sito archeologico dell’antica Herdonia: eccoti il Rosàntica!

Un vino che, già a guardarlo, sembra sprigionare sapore, con una tonalità quasi amarena, che ben si abbina ai vivaci colori dei peperoni. Un piacere da guardare, specialmente sotto la luce del sole, e una gioia ancora maggiore quando se ne colgono i profumi e, soprattutto, il sapore. Succosi profumi di chicchi di melograno, ciliegie e lamponi, vibranti note di foglie di salvia, maggiorana e leggeri ricordi di petunie, accompagnano un sorso di squisita freschezza fruttata, dalla delicata salinità, e percorso da una morbidezza avvolgente. Forza e leggerezza ben si fondono in questo rosato, dalla persistenza che ti fa pensare alla bontà estiva dei frutti di bosco. Proprio grazie al suo tocco morbido e fresco, dalla lunga eco aromatica, è un vino perfetto nell’esaltare gli intensi profumi di un ortaggio come il peperone. Accanto a una classica peperonata, il Rosàntica fa emergere tutte le goduriose nuance che rendono tanto amata questa pietanza vegetariana.

Grazie alla sua particolare e ben definita personalità, è un vino ottimo anche accanto a una parmigiana di melanzane o con la semplicità di una pasta al sugo di olive nere.

Rosàntica 2019 – Placido Volpone

Terre Lontane 2019 – Librandi

Più delicato, ma ugualmente aromatico e rinfrescante, è l’appeal del Terre Lontane, firmato Librandi, un rosé di Calabria creato da uve di Gaglioppo e Cabernet Franc. Un’aromaticità che ricorda una scampagnata fuori porta o un picnic in spiaggia, con intriganti note di fragoline di bosco, foglie di menta e leggere sensazioni iodate. Un vino dall’anima fresca, delicatamente sapida, siglato da una morbidezza in cui si percepisce tutta la dolcezza dei frutti rossi. Un fascino setoso, sì, accompagnato da un gusto completamente secco e quasi dissetante.

Un rosato delizioso anche accanto a degli spaghetti conditi con un pesto ai peperoni e che non disdegna affatto la cucina di mare, oltre alle ricette vegetariane, da provare anche su delle linguine ai ricci di mare o con un risotto con gamberi rossi e olive.

Terre Lontane 2019 – Librandi

Ecco, a ricordare la bontà di questi due Vini per la Peperonata mi è rivenuta fame … per fortuna che ci sono ancora infiniti abbinamenti cibo – vino da sperimentare.

Nell’attesa potete trovare i vini protagonisti di oggi nei link di seguito:

Rosàntica 2019 – Lo puoi trovare qui, a circa 6 Euro.

Terre Lontane 2019 – Lo puoi trovare qui, a circa 8,5 Euro.

Cheers!

Il Damarino di Donnafugata: i Migliori Abbinamenti con il Cibo

Gli Abbinamenti per il Damarino di Donnafugata

Voglia di un vino bianco fresco e leggero, con cui prolungare la bellezza di un pomeriggio estivo, cullato dai raggi solari? Uno scenario allettante, specialmente all’arrivo di questi primi freddi, da riproporre con tanti assaggi del Damarino di Donnafugata, nato da uve di Ansonica in blend con altri vitigni locali, tipicamente siciliani.

Un bianco che piace per la sua subitanea piacevolezza e il gusto sincero e disinvolto e, soprattutto, per la sua capacità di conferire uno squisito tocco fruttato a tante ricette semplici ma con qualche sfumatura in più. In particolare, ho scoperto che il Damarino di Donnafugata è un vino davvero squisito soprattutto in abbinamento a …

Scoprilo leggendo di seguito!

Il Damarino di Donnafugata: Colore, Profumi e Gusto

Trasparente, nel colore e nella personalità. Il Damarino di Donnafugata è un vino che piace per la schiettezza dei suoi aromi, carichi di evidenti note di frutta estiva, erbe aromatiche e un vivido tocco agrumato, in sottofondo. Un bianco che, all’assaggio, accoglie con morbidi e croccanti ricordi di pesche nettarine e melone, chiudendo l’assaggio con una spigliata e piacevole persistenza, che rievoca la freschezza dei limoni di Sicilia. Un bianco dal carattere dinamico, dotato di freschezza intensa e di una misurata sapidità.

Con i suoi profumi estivi è un vino che richiama a gran voce ricette marine, anche dotate di un tocco esotico in più … uno in particolare!

Riso Gamberi, Verdure e un pizzico di Zenzero ... ottimo con il Damarino di Donnafugata!
Riso Gamberi, Verdure e un pizzico di Zenzero … ottimo con il Damarino di Donnafugata!

Il Damarino di Donnafugata: i Migliori Abbinamenti con il Cibo

Il Damarino è fantastico nell’accompagnare il tocco speziato e piccante dello zenzero fresco, impiegato in piatti dal sapore fusion, creati con gli ingredienti del mare, come un ottimo riso saltato con gamberi e zenzero.

Grazie al suo energico binomio, tra freschezza e setosità, riesce bene ad esaltare la tendenza dolce del pescato e, in particolar modo, dei crostacei, senza alterare il tocco speciale fornito dallo zenzero.

Un contributo che viene amplificato anche attraverso i ricordi aromatici che il Damarino lascia a ogni assaggio: profumi estivi che ben si fondono a quelli dei frutti di mare e di una spezia particolare, come lo zenzero, pungente ma dotata anche di una certa tendenza dolce.

Un abbinamento genuino, appetitoso e assolutamente low-cost. Come sempre, i pregiudizi vengono meno quando un bianco che puoi trovare anche nella grande distribuzione si rivela semplicemente gustoso.

Se non sei un fan dello zenzero, puoi abbinare il Damarino anche alle seguenti ricette: spaghetti alle vongole, tartare di avocado, tonno e granella di pistacchi, filetti di branzino in panure d’agrumi, filetti di baccalà pastellati e fritti, orata in crosta di mandorle.

Cheers!

p.s. Puoi trovare facilmente il Damarino di Donnafugata online, come qui ad esempio, a circa 9 Euro.

Il Cabernet Sauvignon Salomone: un gran Rosso per tanti Abbinamenti

Il Cabernet Sauvignon Salomone: un gran Rosso per tanti Abbinamenti

Quando un vino è buono lo racconti subito: è questo il caso del Cabernet Sauvignon Salomone di Fattoria di Monticello, una vera miniera di sapore a un ottimo prezzo.
Un rosso che rende giustizia alla tipica forza dei grappoli con cui viene realizzato, ottimo per accompagnare, grazie a decise note balsamiche, tanti antipasti, primi e secondi succulenti. Se vuoi scoprire tutto il fascino di questo vino umbro, continua la lettura!


Il Cabernet Sauvignon Salomone: Colore, Profumi e Gusto


Il Salomone è gagliardo già nella sua colorazione rubino: una tonalità di gran carattere per un vino dall’intrigante e ben definita personalità. Un rosso dalle nuance boschive, con penetranti note di erbe su un sottofondo dalle morbide sensazioni fruttate, di confettura di fragole e frutti di bosco assortiti, definito anche da delicati accenni speziati, di pepe nero e chiodi di garofano. Un vino di giusta morbidezza all’assaggio, percorso da una trama tannica sottile e raffinata, ritmato da una spiccata mineralità e firmato da una persistenza dall’impronta balsamica, su setosi ritorni di more e lamponi. Già a delinearlo così … vien voglia di (ri)assaggiarlo: un Cabernet Sauvignon che fa della sapidità e delle nette sensazioni vegetali il suo lato più sfizioso e peculiare.

Il Cabernet Sauvignon Salomone 2016
Il Cabernet Sauvignon Salomone 2016

Il Cabernet Sauvignon Salomone: i Migliori Abbinamenti


Questo rosso dell’Umbria è fantastico accanto a tanti primi conditi con sughi di carne importanti, anche di cacciagione, carichi di aromi e dalla morbida saporosità. Abbinamenti succulenti che rendono giustizia all’eleganza dei suoi tannini e al calore di ogni suo sorso.
In particolare, vista la sua accesa sapidità, è un rosso che sta bene accanto a salse di pomodoro in cui regnano la tendenza dolce e i profumi delle erbe officinali, come il timo, il rosmarino e la menta. Delizioso con un ragù di salsiccia, impreziosito da foglie di alloro e altri aromi, è imperdibile anche con il cosciotto d’agnello alle erbe, con la tagliata porcini e tartufo, con le pappardelle al ragù di lepre e accanto a formaggi non troppo sapidi, piccanti o stagionati, come la Casciotta d’Urbino al tartufo nero o il Montasio Fresco.

Un vino di carattere e, al contempo, equilibrato, vibrante di un’aromaticità ben percettibile anche al gusto: il rosso ideale per accompagnare un intero pasto, dagli antipasti ai secondi di carne.

Il Cabernet Sauvignon Salomone 2016: ottimo con primi piatti conditi con ragù profumati di carne
Il Cabernet Sauvignon Salomone 2016: ottimo con primi piatti conditi con ragù profumati di carne
Il Cabernet Sauvignon Salomone 2016: ottimo con carni rosse arrostite, profumate alle erbe aromatiche
Il Cabernet Sauvignon Salomone 2016: ottimo con carni rosse arrostite, profumate alle erbe aromatiche

Il Menù ideale per apprezzare il Salomone al meglio

Un vino delizioso da solo che si arricchisce di bontà e dona sfumature ancora più gustose ai cibi a cui si accompagna: il vero obiettivo di ogni abbinamento cibo – vino, migliorare il nettare e le pietanze.

Oltre alle ricette appena riportate, Il Cabernet Sauvignon Salomone, di Fattoria di Monticello, sa bene come accompagnare anche tutti i piatti del seguente menù … senza mai venirti a noia!

  • Crostini al Tartufo e Formaggio
  • Tagliatelle al ragù di salsiccia, con pomodorini secchi
  • Filetto di manzo con bacon croccante e funghi saltati

Che dire se non: Cheers!

p.s. Puoi trovare il Cabernet Sauvignon Salomone, di Fattoria di Monticello, qui, a 15 Euro.

Un Ottimo Vino per la Pasta Bottarga e Asparagi

Un Ottimo Vino per la Pasta Bottarga e Asparagi

La ricetta protagonista di oggi vede competere i profumi del mare e della terra. Scovare un buon vino per la Pasta Bottarga e Asparagi può rivelarsi insidioso ma, con alcuni suggerimenti enoici, si può sempre scegliere il dono di Bacco adatto … com’è proprio l’Ultimo Colle 2019, prodotto dall’azienda Sant’Eufemia.

Quale Vino per la Pasta Bottarga e Asparagi?

La bottarga di muggine è nota e amata per il suo inconfondibile gusto sapido. Ottenuta dall’essiccazione della sacca ovarica delle muggini, conferisce in ogni piatto un tocco di speciale cremosità e, soprattutto, di sapore intenso, dai ricordi salmastri.

Il vino da abbinare a una pietanza ricca di Bottarga di muggine dovrà essere un bianco morbido, di buona struttura, equilibrato e carico di profumi persistenti, proprio per accompagnare con la giusta sinergia la forte aromaticità delle uova così lavorate, senza nascondere la delicatezza degli asparagi.

Di tradizione, a una pasta con la Bottarga si abbina bene una Vernaccia di Oristano anche se le alternative non mancano e provengono da tutta Italia.

Un ottimo Vino per la Pasta Bottarga e Asparagi può essere un Vermentino di Gallura, maturo ed evoluto, un buon Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore, una Ribolla Gialla del goriziano, anche macerata, un Erbaluce di Caluso elevata in legno o, magari, anche un bianco a base di uve Cortese, sempre affinato a lungo.

Anche in questo abbinamento la sorpresa è sempre dietro l’angolo perché, ovunque, puoi trovare il vino con la consistenza, la morbidezza e l’aromaticità giusta per accompagnare questo piatto goloso.

Pertanto, alla lista dei vini da abbinare alla bottarga di muggine, oggi mi sento di suggerire anche un bel Bellone del Lazio!

L'Ultimo Colle di Sant'Eufemia: Un Ottimo Vino per la Pasta Bottarga e Asparagi
L’Ultimo Colle 2019 di Sant’Eufemia

L’Ultimo Colle di Sant’Eufemia: Colore, Profumi e Gusto

L’Ultimo Colle di Sant’Eufemia è un bianco, dalle sfumature dorate, realizzato con solo uve di Bellone, un particolare vitigno autoctono del Lazio da cui si ottengono ottimi bianchi da pesce … e non solo.

Affinato a lungo sulle fecce fini, è un vino dagli intensi profumi di frutta estiva, con nitide note di pesche percoche e albicocche, guarnite da sensazioni succose di ananas e percezioni di fiori di ginestra. A tale netta setosità dei profumi ben si oppone un sorso che sprizza mineralità, carico di note saline e sugellato da una lunga scia sapida, appena addolcita dai rimandi fruttati.

Un vino non troppo strutturato ma decisamente polposo a ogni assaggio: sembra quasi di far merenda in barca con un bel cesto di frutta.

L’Ultimo Colle di Sant’Eufemia: un Ottimo Vino per la Pasta Bottarga e Asparagi
L’Ultimo Colle di Sant’Eufemia: un Ottimo Vino per la Pasta Bottarga e Asparagi

L’Ultimo Colle di Sant’Eufemia: un Ottimo Vino per la Pasta Bottarga e Asparagi

Le uve di Bellone, specie se coltivate vicino al mare, come avviene nelle vigne della Cantina Sant’Eufemia, ne riflettono la forza e i profumi . Una sinergia estiva e vigorosa che ritroviamo ben raccontata in ogni sorso dell’Ultimo Colle, specialmente quando accompagnato dai ricchi aromi, dalla vibrante sapidità e dalla viva tendenza dolce di un piatto di spaghetti con bottarga e asparagi.

Una ricetta doppiamente profumata, dove la fragranza dolce ed erbacea dell’ortaggio ben si sposa alle sferzate minerali delle uova di muggine. Accanto a questo invitante duetto, l’Ultimo Colle sfoggia tutta la sua morbidezza fruttata e il suo abbraccio setoso.

Un abbinamento particolarmente gustoso in cui la tendenza dolce degli asparagi s’insaporisce e il marchio sapido della Bottarga rimane a lungo impresso senza alterarsi.

Se poi, ti convince così tanto da volerlo apprezzare a tutto pasto, prova l’Ultimo Colle anche con dei filetti di baccalà in pastella e con dei tranci di pesce spada grigliati, con olive nere e pomodorini.

Un ottimo Vino per la Pasta Bottarga e Asparagi, da apprezzare anche per l’antipasto e i secondi.

Lo puoi trovare online qui, direttamente sul sito del produttore, a circa 8 Euro.

Con quest’assaggio l’Estate durerà ancora  a lungo!

Cheers!

p.s. Vuoi ancora un altro suggerimento per scegliere un buon Vino per la Pasta Bottarga e Asparagi? Dai un’occhiata anche ai seguenti articoli!

I Vini per la Frittura di Pesce

I Vini per la Frittura di Pesce

Sono poche le ricette che possono vantare la squisitezza di una bella frittura di pesce, così estiva ed invitante. Non si dice mai di no a un bel fritto di paranza, a delle croccanti alici  dorate o a un “cuoppo” di calamari e gamberi! Sapori deliziosi che si possono immortale attraverso l’accompagnamento di un bel calice di vino. I Vini per la Frittura di Pesce sono tanti e variegati, in profumi, sapori e tipologia, quelli che oggi ho scelto per te sapranno trasportare a lungo la bontà di diverse ricette, con protagonisti tanti ingredienti, golosamente fritti!

Quali Vini per la Frittura di Pesce?

La frittura di pesce è buona – si sa – ed è anche decisamente grassa. Una grassezza e patinosità palatale che viene facilmente smorzata dalla croccantezza di ogni morso e che si stempera per benino proprio grazie ai giusti vini in accompagnamento.

Bollicine, bianchi e rosati spesso rivelano quelle giuste doti, capaci di trasformare in delizia pura ogni assaggio di frittura, a base di pesci, crostacei e molluschi.

I Vini per la Frittura di Pesce devono rivelare una piacevole aromaticità, capace di esaltare le delicate nuance marine del pescato, panato e fritto, e, soprattutto, un succoso mix di acidità e sapidità: doti necessarie per rendere la frittura più leggera, fresca e saporita.

Già solo in Italia esistono un’infinità di Vini per la Frittura di Pesce, da scoprire in ogni regione, soprattutto all’interno delle seguenti rinomate tipologie che così bene sanno far esprimere l’innata bontà dei frutti del mare: Vermentino di Sardegna e Falanghina del Sannio, entrambi perfetti anche in versione spumante, Torbato di Alghero, Franciacorta Satén o Brut, Trento DOC, Prosecco di Valdobbiadene Superiore Millesimato, Etna Bianco o altri bianchi siciliani, a base di uve locali, Bianco della Costa d’Amalfi, Pinot Bianco dell’Alto Adige, Ribolla Gialla dei Colli Orientali del Friuli, anche in versione spumeggiante, Roero Arneis, Cacchione di Nettuno, Bianco o Rosato Salentino, Pigato della Riviera Ligure di Ponente o Vermentino dei Colli di Luni.

6 Vini per la Frittura di Pesce

A volte, troppe scelte possono rendere più lunga la ricerca dei giusti Vini per la Frittura di Pesce. Se vuoi andare sul sicuro, scopri quanto sono buoni questi  6 nettari multicolor, selezionati da BWined, accanto ad alcune delle più celebri ricette con protagonisti il mare e la frittura.

Spumanti e Vini perfetti per la Frittura di Pesce che sapranno incartarti con la loro tipicità e la loro energia fresco – sapida.

Esempi di Abbinamento Vino Frittura di Pesce

Frittura di Paranza e Vino

Spumeggiante ! E’ quasi magia, appena si stappa questa goduriosa Cuvée Tenuta Val de Brun firmata Astoria, in cui la Glera ti affascina con note scrocchianti di mela verde, dolci note di melone bianco, la pungenza del succo di limone e l’eleganza dei fiori di biancospino. Un assaggio dall’effetto super rinfrescante, guarnito da una vivace mineralità e da un struttura cremosa  al punto giusto. Un Prosecco che quasi ti stupisce per la sua carica gustativa; perfetto in tutto, nei profumi e nei sapori, per guarnire di fascino e leggiadria il gusto di una classica Frittura di Paranza.

Lo puoi trovare qui, a circa 12 Euro.

Prosecco Cuvée Val de Brun ... ottimo con la Frittura di Paranza
Prosecco Valdobbiadene Cuvée Val de Brun … ottimo con la Frittura di Paranza

Frittura di Calamari e Gamberi e Vino

Dalle bollicine venete, alle bianche sabbie della costa siciliana. Il Salina Bianco di Hauner è un vino che racconta il mare e il sale, con note aromatiche quasi salmastre, ammorbidite da percezioni fruttate e agrumate. Assaggiandolo, ti sembrerà quasi di addentare una pesca nettarina, dolce e croccante, insaporita da un netta scia minerale, corredata da ritmati ritorni rinfrescanti, di pompelmo e cedro. Un bianco fermo ma dal carattere vivace, proprio grazie alla sua impronta gustativa che regala al palato piacevoli brividi di freschezza marina. Proprio il vino giusto per esaltare una bella frittura di calamari e gamberi !

Lo puoi facilmente reperire online, qui ad esempio, a circa 11 Euro.

Salina Bianco 2019 di Hauner ... ottimo con un classico fritto di calamari e gamberi!
Salina Bianco 2019 di Hauner … ottimo con un classico fritto di calamari e gamberi!

Alici Fritte e Vino

La Falanghina del Sannio “Svelato”, di Terre Stregate, è rivelatoria accanto alla squisitezza di un bel piatto di alici fritte, dorate e fumanti. Il complemento saporito ideale nel rendere ogni assaggio di frittura ancora più squisito, fresco e persistente. Non potrebbe essere diversamente, visti gli intensi aromi erbacei di cui è dotata, resi suadenti da un sottofondo cremoso in cui regnano le dolci note delle mele renette e delle pere Williams. Una Falanghina che sfoggia un abbraccio fresco caratterizzato anche da una decisa spinta sapida, contornata da un sottofondo carico di fresche note agrumate.

Alici Fritte e Falanghina del Sannio “Svelato”: un abbinamento da non perdere all’ottimo costo di circa 9 Euro.

Falanghina del Sannio Svelato 2019 ... ottima con le Alici Fritte Dorate
Falanghina del Sannio Svelato 2019 … ottima con le Alici Fritte Dorate

Cozze Fritte e Vino

Ovunque vai, con il celebre Five Roses Anniversario di Leone de Castris non sbagli: un vino pugliese iconico e gustoso che ha fatto strada all’innegabile bontà dei rosati di Puglia. Anche in questo caso, questo ottimo rosé, nato da uve di Negroamaro e Malvasia Nera, sa bene come valorizzare anche il semplice gusto delle cozze fritte. Con i suoi aromi di petali di rosa e anguria, di ribes rosso e pompelmo rosa, rappresenta quel giusto mix aromatico capace di estrarre al massimo i profumi marini di questo simpatico e squisito mollusco. Grazie alla sua scattante acidità e all’ottima rinfrescante bevibilità, riesce a rendere la frittura di cozze intensamente saporita e mai grassa: un vero ritorno alla bellezza dell’Oceano, in un abbinamento dai sapori persistenti e deliziosi e dal piccolo prezzo!

Puoi trovare in vendita il Rosato Five Roses Anniversario qui, a circa 9 Euro.

Rosato Five Roses Anniversario 2019 ... delizioso con delle Cozze Fritte
Rosato Five Roses Anniversario 2019 … delizioso con delle Cozze Fritte

Fish and Chips … and Vino

Il Prosecco Brut dei Fratelli Bortolin è davvero squisito accanto al più classico dei Fish and Chips.

Grazie alla sua lunga scia sapida e al gusto fresco, reso ancora più invitante e persistente dai ricordi di salvia, erba tagliata e mela Golden, le sue bollicine donano un quid di sapore in più alla semplicità di questa pietanza, così croccante, fragrante e tendenzialmente dolce, da essere amata da grandi e piccini.

Ecco, con l’accompagnamento del Prosecco Brut Bortolin, il fish and chips diventa una bontà per ogni età e ogni occasione.

Puoi trovare il Prosecco Superiore Brut dei Fratelli Bortolin qui, a circa 9 Euro.

Prosecco di Valdobbiadene Brut dei Fratelli Bortolin ... perfetto per insaporire il fish and chips!
Prosecco di Valdobbiadene Brut dei Fratelli Bortolin … perfetto per insaporire il fish and chips!

Vini per la Frittura di Pesce: il Vino Jolly

Jolly perché sta bene praticamente con tutte le ricette citate! Impossibile? Assaggialo e credici.

Il Vermentino di Sardegna Stellato, creato dall’azienda Pala, tiene fede alla sua vocazione territoriale e al suo nome che promette e mantiene l’avverarsi di molti desideri gustativi. Se hai ancora dubbi su come valorizzare il sapore di una frittura di pesce mista e non sai se scegliere bianchi fermi, bollicine o sfiziosi rosati … fai un pensiero a questo Vermentino sardo.

Un assaggio mosso da un invitante nerbo sapido, dai riverberi marini, costellato da rinfrescanti note agrumate. Un gusto che viaggia in perfetta sintonia con un’aromaticità invitante, dalle note di frutta croccante estiva, incoronata da succose sensazioni di cedro e limone.

Ideale per tantissime pietanze con protagonisti gli ingredienti del mare  e, soprattutto, uno dei più grandi Vini per la Frittura di Pesce.

Puoi trovare il Vermentino di Sardegna “Stellato” 2019 qui, a circa 15 Euro.

Vermentino di Sardegna Stellato di Pala ... un ottimo Vino per le Fritture di Pesce
Vermentino di Sardegna Stellato di Pala … un ottimo Vino per le Fritture di Pesce

6 ottimi Vini per la Frittura di Pesce per una prima lista destinata ad ampliarsi. Se sei un fedele discepolo della bontà dei fritti di mare … resta su BWined e ne scoprirai sempre di nuove e buone!

Cheers!

p.s. Se cerchi altri Vini per la Frittura di Pesce, dai un’occhiata anche ai seguenti articoli.

Il Prosecco di Valdobbiadene Gaio di Collalto: un Ottimo Vino per il Pesto alla Menta

Un Ottimo Vino per il Pesto alla Menta: ecco il Prosecco Gaio

Oggi è il momento per un abbinamento particolare e inaspettato, con protagonista la freschezza profumata del Prosecco Superiore di Valdobbiadene Millesimato Extra Dry Gaio di Collalto. L’avresti mai detto che è un ottimo Vino per il Pesto alla Menta e per altre deliziose ricette tutte vegetariane? Aspetta un attimo che voglio proprio raccontarti com’è!

Il Prosecco di Valdobbiadene Gaio di Collalto: Profumi e Gusto


Altro Prosecco, altra storia. Chi l’ha detto che le arcinote bollicine di Valdobbiadene si assomigliano tutte? Di certo non io.
Nell’Extra Dry Gaio, firmato Collalto, si colgono le note del lime, della pera kaiser, di diverse erbe aromatiche, come la salvia e la maggiorana. Un metodo Charmat che offre un assaggio freschissimo e sapido, dominato da una persistenza piccante, dallo sfumato sottofondo agrumato. Un Prosecco con un carattere deciso che può essere ben valorizzato con le giuste ricette in abbinamento.

Il Prosecco di Valdobbiadene Gaio di Collalto
Il Prosecco Superiore di Conegliano Valdobbiadene Gaio di Collalto

Il Prosecco di Valdobbiadene Gaio di Collalto: un Ottimo Vino per il Pesto alla Menta


Non è stato facile trovare la pietanza davvero perfetta per questo Prosecco di Valdobbiadene.Tuttavia, una volta scoperta la vera e profonda anima profumosa di queste bollicine si è aperto tutto un mondo di bontà vegetariana, leggera e croccante.

Il Prosecco Gaio di Collalto sa bene come valorizzare il gusto delicato del pesce cucinato al forno, gratinato o al cartoccio e, allo stesso tempo, risulta davvero speciale, grazie al suo tocco freschissimo, croccante ed aromatico, anche accanto a piatti dove sono gli ortaggi, le erbe e le verdure a dominare il panorama gustativo.

In particolare, questo figlio di Valdobbiadene esalta in maniera incredibile i profumi della menta e, anche all’assaggio, ne mette in luce la persistenza, senza evidenziarne eventuali note amare.

Accompagnato a delle linguine con pesto alle menta, il Gaio riesce ad amplificare la vivida aromaticità e il gusto squisito di ogni boccone.

Un piatto sicuramente difficile, quando si arriva alla scelta del vino, ma che trova una grande amicizia nelle bollicine di questo Prosecco.

Il Prosecco Gaio di Collalto: ottimo con un bel tabbouleh di verdure
Il Prosecco Gaio di Collalto: ottimo con un bel tabbouleh di verdure

Il Prosecco Gaio di Collalto: un Ottimo Vino per il Pesto alla Menta e altre ricette Vegetariane

Se non ami il pesto alla menta, non ti preoccupare! Puoi sempre scoprire tutti i piaceri del Gaio, sorseggiandolo accanto a un gustoso tabbouleh vegetariano, condito con foglie di mentuccia, a dei falafel con salsa di yogurt e menta, a delle linguine con melanzane, menta e pinoli, a una omelette alle erbe e Grana Padano, a dei filetti di sogliola alla mugnaia con menta fresca.

La menta deve esserci, è la sua compagna del cuore … assaggiare per credere!

Cheers!

p.s. Puoi trovare online il Prosecco di Valdobbiadene Gaio di Collalto qui, a circa 9 Euro.

p.p.s Cerchi altre sfiziose bollicine, perfette per ricette vegetariane e vegane? Dai un’occhiata ai seguenti articoli!

Due ottimi Vini per il Ragù di Pesce Spada

I Vini per il Ragù di Pesce Spada

Estate non è solo sinonimo di piatti freddi, insalate e crudi di pesce … c’è anche spazio per ricette un tantino più elaborate e ricche dei profumi e dei sapori del mare. Proprio per questo è d’obbligo scovare degli ottimi Vini per il Ragù di Pesce Spada … come quelli che sto per raccontarti, perfetti per accompagnare la ricetta gustosa che trovi qui sotto!

Linguine al Ragù di Pesce Spada
Linguine al Ragù di Pesce Spada

Linguine al Ragù di Pesce Spada – La Ricetta

Ingredienti (per 4 persone)

300 gr. di linguine (o spaghetti)

300 gr. di pesce spada

400 gr. di ciliegini pelati, in salsa di pomodoro

6 cucchiai di olio evo

4 spicchi d’aglio

1 peperoncino fresco tritato

Origano (q.b.)

Preparazione

Metti a bollire l’acqua per la pasta, lava il trancio di pesce spada, privalo della pelle e taglialo a cubetti di circa 1 cm di spigolo. Fai soffriggere gli spicchi d’aglio nell’olio, privati di buccia e di anima.

Una volta che si saranno dorati, rimuovili e aggiungi i pomodorini e la salsa che lascerai cuocere, a fiamma media, per circa 10 minuti. Una volta che il sugo si sarà ristretto, aggiungi i cubetti di pesce spada e continua la cottura per 1 altro minuto. Quando la pasta è pronta, scolala e condiscila con il sugo preparato, a cui aggiungere il peperoncino tritato e l’origano.

In questa ricetta, la tendenza dolce della pasta si arricchisce dei profumi spiccati della salsa di pomodoro e del gusto marino, delicato ma corposo, del pesce spada. Un piatto facile e veloce da preparare e super gustoso, da valorizzare in abbinamento al vino giusto.

Come scegliere i giusti Vini per il Ragù di Pesce Spada?

Per questa ricetta che vive dell’aromaticità dei suoi ingredienti e della loro spiccata tendenza dolce è bene scegliere vini profumati, persistenti e  freschi.

Una pietanza in cui si scopre con piacere anche la ricca consistenza della carne del pesce spada e la piccante speziatura del peperoncino.  Per questo è bene optare per vini dotati anche di delicata mineralità e di un tocco setoso ed equilibrato per mitigare la corposità del pesce e non accentuare troppo la tendenza amara della spezie. Le scelte possono essere molte e, per ora, visto il caldo estivo, voglio suggerire un rosato e un bianco: entrambi dall’appeal leggero, saporito e, soprattutto,  che sa di mare, di campagna e di spiagge assolate. Un’ottima idea per viaggiare anche solo con i sensi!

Due ottimi Vini per il Ragù di Pesce Spada

Il Sauvignon Blanc Tra Donne Sole 2019 di Vite Colte

Creato dalla rinomata cooperativa piemontese Vite Colte, con sede nientemeno che a Barolo, nasce il gusto di questo Sauvignon, un vitigno d’oltralpe che incontra con successo il terroir particolare delle Langhe.

Con i suoi profumi intensi, di frutta esotica ed erbe aromatiche, e il suo gusto di vibrante sapidità, è un vino che ben sposa le pietanze in cui i frutti del mare incontrano gli ortaggi profumati. Accanto a delle linguine condite con un bel ragù di pesce  spada, realizzato con pesce e pomodorini freschi, questo Sauvignon amplifica il sapore marino ed erbaceo del sugo, per un abbinamento che vorresti non finisse mai.

Un bianco italiano che fa grande figura anche accanto alle seguenti ricette: amatriciana di mare, linguine ai ricci di mare, risotto allo scoglio, pasta con gamberi e pachino.

Sauvignon Tra Donne Sole 2019 - Vite Colte
Sauvignon Tra Donne Sole 2019 – Vite Colte

Il Rosato Alìe di Frescobaldi

L’Alìe 2019 di Frescobaldi nasce in Toscana, nelle vigne della Tenuta l’Ammiraglia, da un blend di Syrah e Vermentino, vitigni che sanno esprimersi con grande ricchezza proprio nei panorami costieri della Maremma.

L’Alìe prende il nome dall’omonima leggendaria ninfa marina e, come quest’ultima, incanta per la grande eleganza, nei suoi profumi e sapori. La magia di questo rosé toscano inizia con note rinfrescanti di ciliegie croccanti e fragole per poi ampliarsi in un sottofondo carico di ricordi di erbe aromatiche e violette. Un gusto ricco di piacevole acidità e delicatamente  sapido conclude l’incantesimo, lasciando in bocca gustosi ricordi di frutta rossa estiva.  E’ proprio il tocco magistralmente aromatico dell’Alìe che permette subito al ragù di pesce spada di sprigionare i suoi più invitanti profumi. In aggiunta, il sapore rinfrescante e marino di questo rosato va a insaporire, con sfumature sapide ancora più appetitose, il gusto tendenzialmente dolce di questo ricco e sugoso condimento.

Se, poi, hai già finito tutte le linguine al ragù di pesce spada, allora puoi ben abbinare l’Alìe anche alle seguenti ricette: calamarata, moscardini in umido, filetto di salmone con erbe e pomodorini, spaghetti con cozze e gamberi.

Alìè 2019 - Frescobaldi
Alìè 2019 – Frescobaldi

Davvero due ottimi Vini per il Ragù di Pesce Spada tra cui è difficile scegliere … magari li (ri)proviamo entrambi?

p.s. Puoi trovare l’Alìe 2019 di Frescobaldi a questo link, al prezzo di circa 10 Euro. Mentre il Sauvignon Tra Donne Sole di Vite Colte è reperibile qui, al costo di 8,50 Euro.

Il Sauvignon Mamarì di Cantine Fina: Un ottimo Vino per la Scapece di Mare

Un ottimo Vino per la Scapece di Mare

Curioso di scoprire un delizioso Vino per la Scapece di Mare? Una ricetta di mare, che puoi trovare qui, infinitamente golosa a cui il bianco siciliano, protagonista dell’articolo, riesce a conferire ondate di deliziosa saporosità. Pensi sia impossibile migliorare questa ricetta, già completa e favolosa?

 Aspetta e prova il Sauvignon Mamarì di Cantine Fina.

Sauvignon Mamarì 2019 - Cantine Fina
Sauvignon Mamarì 2019 – Cantine Fina

Il Sauvignon Mamarì di Cantine Fina: Colore, Profumi e Gusto

Mi piacciono le etichette di Cantina Fina, con quei loro colori accessi e le raffigurazioni che ti fanno proprio pensare alla Sicilia, tra acque cristalline, boschi, monti e Vulcani.  Però, è il loro contenuto ciò che apprezzo di più! Con il Sauvignon Mamarì si entra in un mondo di sole, mare, frutta estiva ed erbe aromatiche. Già nella sua tonalità, questo bianco ricorda la sabbia, dalle delicate sfumature dorate. Se già Sauvignon è sinonimo di vini profumati, attraverso il Mamarì sperimenterai un avvincente upgrade dalle intense nuance di mango, pesca nettarina, succo di lime, fiori di sambuco, erba tagliata e foglie di salvia.

Un’aromaticità ben articolata, perfetta nell’introdurre l’intensa sapidità marina e la freschezza fruttata e balsamica tipica di un calice di questo Sauvignon: uno di quei bianchi che risultano subito golosi, proprio grazie al loro seducente ed armonioso gioco tra mineralità e squisita acidità. Ogni sorso del Mamarì ti coccola con vividi ricordi di frutta croccante e persistenti note di erbe officinali.

Il Sauvignon Mamarì di Cantine Fina: un ottimo Vino per la Scapece di Mare
Il Sauvignon Mamarì 2019 di Cantine Fina: un ottimo Vino per la Scapece di Mare

Il Sauvignon Mamarì di Cantine Fina: un ottimo Vino per la Scapece di Mare

Tutto ha inizio con le profumate e croccanti zucchine alla scapece, di tradizione partenopea. Rese invitanti dalla frittura e dagli aromi tipici di menta, aglio e aceto, aggiunte in una pasta che profuma e sa di mare, contribuiscono alla nascita di un piatto che, come la Venere di Botticelli, sembra davvero emergere dal mare. Dei semplici spaghetti guarniti con queste speciali zucchine, carichi di tartufi di mare o fresche vongole, sono un’autentica leccornia, in cui i profumi semplici della terra incontrano quelli tipici del mare.

Il Sauvignon Mamarì completa magnificamente il tutto, amplificando le incantevoli note saline ed erbacee della pietanza, andando ad alleggerire il fascino della frittura ed esaltando, grazie alla sua viva freschezza, dai ritorni agrumati, la tendenza dolce delle verdure, della pasta e dei molluschi.

Semplicità, profumi inebrianti e un gusto genuino, per un abbinamento cibo vino che incanta.

Per ora, il miglior Vino per la Scapece di Mare. Provalo anche tu e dimmi che ne pensi!

Cheers!

p.s. Puoi trovare il Sauvignon Mamarì di Cantine Fina qui, a circa 8 Euro.

Aqua di Venus i Migliori Abbinamenti con il Cibo

Aqua di Venus: i Migliori Abbinamenti con il Cibo

Potere del Tonno Fresco a me! Come alleggerire la superba bontà di un trancio di tonno appena scottato? Mettiamolo a cubetti in una bella insalata, accompagnato magari da pomodori Pachino, cetriolini e olive nere. Non dimentichiamo un buon nettare accanto! L’Aqua di Venus di Ruffino è davvero il vino perfetto in questo abbinamento, capace di conferire profumi, sapore salino e una freschezza ancora maggiore alla ricetta.

Un vino che merita di essere conosciuto, piacevolmente fresco e ancora più sfizioso se assaporato nel clima torrido di queste giornate.

L’Aqua di Venus: un Rosato Toscano di Fascino

L’Aqua di Venus nasce da una fusione tra Syrah, Sangiovese e Pinot Grigio: un vitigno autoctono della toscana che si unisce al più noto dei vitigni provenzali e ai noti grappoli della più celebre uva a bacca grigia.

Un Rosato intrigante già nella sua bottiglia, lavorata e trasparente: un invito alla bellezza che richiama le scanalature di una conchiglia e ben sposa un nome d’innegabile fascino. L’Aqua di Venus vuole ricordare la leggenda della dea Venere, nata dalla spuma del mare e raffigurata magistralmente dal Botticelli emergere da una conchiglia. Una magia intramontabile che anche questo rosato della Maremma Toscana vuole suggerire in ogni suo aspetto, nel colore, nei profumi e nell’assaggio.

Aqua di Venus 2019 - ottimo in Abbinamento a un'insalata di tonno con pachino, cetriolini e olive nere
Aqua di Venus 2019 – ottimo in Abbinamento a un’insalata di tonno con pachino, cetriolini e olive nere

L’Aqua di Venus: Colore, Profumi e Gusto

Un vino dalla tonalità rosata, luminosa, delicata ed elegante. Se già ti aspetti aromi d’uguale finezza, ben percettibili e appetitosi, sei sulla strada giusta. L’Aqua di Venus incanta con profumi di melograno, di ciliegie fresche, di fragoline di bosco e scorza di limone: note fruttate croccanti, dolci ed agrumate, avvolte da soffuse sensazioni minerali ed officinali che richiamano l’origano e l’acqua di mare. Una sapidità salina che si percepisce anche all’assaggio, accompagnata da una grande freschezza, in cui si allunga, sinuosa, in una persistenza dai succosi ritorni di frutti rossi ed erbe aromatiche.

L’Aqua di Venus: i Migliori Abbinamenti con il Cibo

Perchè è così buono con un’Insalata di Tonno, Pachino, Cetrioli e Olive Nere?

Questo è proprio un rosé che ama la leggerezza e quelle pietanze belle profumate e fresche, con cui è così piacevole trascorrere pranzi e cene, cullati da dolci brezze marine. L’Aqua di Venus adora l’Estate e il mare e, accanto a piatti che vedono protagonisti pesci e crostacei, anche serviti a crudo, accompagnati da verdure e ortaggi, è un vera dea della tavola!

Grazie alla sua sinergia fresco – sapida è un vino che esalta a puntino il sapore e l’aromaticità marina del pescato, vivacizzandone la tendenza dolce e alleviandone, quando presente, la grassezza e la pienezza gustativa.

Sperimentato accanto alla rinfrescante croccantezza di un’insalata con pachino, cetrioli, olive nere e tonno fresco appena scottato, questo rosato impreziosisce la semplice pietanza, concedendo sfiziose note agrumate ed erbacee, permettendo al tonno di sprigionare tutta la sua salmastra bontà. Un piatto che, con la presenza di questo rosato, diventa ancora più invitante, rivelando tutta la gustosa intensità dei pachino.

Insalata di tonno, primo sale e mandarini
Un’insalata di tonno ottima con l’Aqua di Venus 2019

I migliori Piatti con cui sorseggiare l’Aqua di Venus

Un vino che sposa alla perfezione la bontà dei più succulenti frutti del mare e della terra, da abbinare anche a tutte le seguenti ricette: tartare di tonno con mela verde e yogurt greco, insalata di astice e fragole, insalata di tonno, primo sale alle erbe e lime, trota salmonata con mango ed erbe aromatiche, insalata di riso con salmone e avocado, cocktail con gamberi e melone, polpette di tonno in salsa aioli, spaghetti al sugo di tonno, insalata di polpo, pomodorini e olive.

Una bella insalata di salmone, cetrioli e avocado ... ottima accanto all'Aqua di Venus 2019
Una bella insalata di salmone, cetrioli e avocado … ottima accanto all’Aqua di Venus 2019

Che tu sia o meno in vacanza, il tocco speciale di questo Rosé saprà ristorarti e rallegrarti … se poi lo aggiungi alle suddette ricette, ecco aprirsi le porte dell’Olimpo!

Cheers!

p.s. Puoi trovare l’Aqua di Venus online, qui ad esempio, a circa 11 Euro.

p.p.s. Cerchi altri gustosi rosati, perfetti per l’Estate? Scoprili negli articoli seguenti: