gennaio 2016 - BWined
Il Vino Giusto per il Pollo Arrosto

Il Vino Giusto per il Pollo Arrosto

Per questo week-end c’è una proposta di abbinamento semplice, gustosa e soprattutto utile.

In questo post vi voglio parlare di un abbinamento davvero “classico” con uno dei cibi più apprezzati all’unanimità.

Alzi la mano chi non mangerebbe volentieri un bel pollo arrosto.

Pollo Arrosto
Pollo Arrosto

Chiunque non sia vegetariano la mano la tiene sicuramente bella nascosta in basso 😉

Ecco allora che oggi andiamo a cercare il vino italiano più adatto per questa deliziosa pietanza, con numerosi fan in tutto il mondo.

Curiosi di conoscere il vino giusto per il pollo arrosto? Leggete oltre e scoprirete di quale prodotto sto parlando.

 

Il Vino Giusto per il Pollo Arrosto: degustando il Tellus di Falesco

Con il suo gusto pepato e fruttato il Tellus di Falesco è un Syrah davvero perfetto per esaltare il gusto delicato e magro della carne di pollo.

Allo stesso tempo la dolce morbidezza di questo vino sposa splendidamente la lieve nota amarognola del pollo arrostito.

Tellus di Falesco
Tellus di Falesco

Il profumo di fragole e ciliegie del Tellus di Falesco, insieme alla nota speziata di pepe nero e vaniglia, va a insaporire ancora di più il gusto della pietanza, rendendo il sapore della carne più intenso e persistente.

Spesso nell’abbinamento con una pietanza gustosa, ma anche semplice, come il pollo arrosto, si rischia di scegliere dei vini rossi con un tannino deciso e un gusto troppo intenso e pieno, elementi che andrebbero a nascondere completamente il gusto della carne insaporita dalla cottura allo spiedo.

Scegliendo il Tellus di Falesco questo rischio è facilmente scongiurato: i sapori, la struttura, la morbidezza di questo vino esaltano il gusto del pollo arrosto senza nasconderne la piacevolezza.

Un abbinamento ottimo ed economico che vede protagonista un vino davvero gustoso e allo stesso tempo versatile, in grado di accompagnare tanti piatti di carne, come ad esempio i seguenti:

  • Arista alle mele
  • Filetto di Maiale in crosta
  • Involtini di Pollo, prosciutto cotto e formaggio
  • Tagliata ai Funghi

Se per questo week-end (o per i prossimi) vi sentite carnivori e avete voglia di un bel piatto a base di carne, allora fate un pensierino anche al Tellus di Falesco.

p.s. lo potete trovare qui, nella’annata 2016, all’ottimo prezzo di circa 7 Euro.

Anthilia di Donnafugata: Abbinamenti Cibo Vino

L’ Anthìlia di Donnafugata: Abbinamenti Cibo Vino

Anthìlia
Anthìlia

A volte gli abbinamenti più riusciti sono quelli più semplici, veloci ed economici.
Se il vostro approccio in cucina è leggero, veloce ed easy, allora non potete perdere l’abbinamento di oggi, delizioso, facile ed economico.

Oggi vediamo a quale pietanza abbinare l’ Anthìlia di Donnafugata, un vino dal gusto fresco, sapido e beverino: una piacevole espressione di un vitigno autoctone della Sicilia, il Catarratto.

Un vino sicuramente molto adatto ad accompagnare piatti delicati a base di pesce e soprattutto degli ottimi antipasti.

Vediamo quindi come sfruttare al meglio le qualità dell’ Anthìlia 2014, in un abbinamento davvero gustoso.

 

Approfondisci

Castel de Paolis

Visita all’Azienda Castel de Paolis

Ingresso all'azienda Castel De Paolis
Ingresso all’azienda Castel De Paolis

L’azienda Castel De Paolis nasce come realtà produttiva di qualità circa 30 anni fa. Le vigne sono presenti sin dagli anni 60, tuttavia, come molti agricoltori della zona, i proprietari conferivano le uve alla cantina sociale.
Fu l’incontro tra il fondatore Giulio Santarelli e il professor Attilio Scienza, allora Direttore Generale dell’Istituto Agrario di San Michele all’Adige in Provincia di Trento a generare il desiderio di avviare una produzione di alta qualità.

È cosi che, assistiti, dai ricercatori del prestigioso istituto trentino, nel 1985 reimpiantano oltre 22 tipi di vitigni per verificare quali potessero svilupparsi ottimamente e offrire vini di pregio. Si aspettano tre anni, si avviano delle micro-vinificazioni, il tutto supportato da sensori e centraline tali da monitorare sia i parametri fenologici che quelli ambientali e climatici.

A seguire si individuano le cultivar più adeguate ad essere impiegate nelle campagne di Grottaferrata e tali da permettere la produzione di un vino dalle alte caratteristiche qualitative che l’azienda desiderava raggiungere.

Approfondisci

Verdicchio di Matelica Cambrugiano

Il Verdicchio di Matelica Cambrugiano: Abbinamento Cibo Vino

Verdicchio di Matelica Cambrugiano
Verdicchio di Matelica Cambrugiano

Visto che siamo entrati nel cuore del territorio di Matelica, con i suoi splendidi vini, quale migliore occasione per parlarvi di un grande Verdicchio porta bandiera di questa zona.

Dalle Cantine Belisario (che potete conoscere approfonditamente a questo link) arriva il Cambrugiano: una riserva che rappresenta decisamente uno dei fiori all’occhiello dell’azienda.

Un vino che colpisce subito per i suoi profumi e i suoi sapori. Un Verdicchio importante che richiede in abbinamento una pietanza di grande gusto e succulenza.

Ma non bisogna preoccuparsi: con il suo equilibrio e la sua morbidezza sono tantissimi le opzioni gustose da abbinare a questo ottimo Verdicchio di Matelica riserva.

Se siete curiosi di conoscere le delizie con cui il Cambrugiano può essere abbinato, allora leggete oltre!

 

Abbinando il Verdicchio di Matelica Cambrugiano

Il Cambrugiano è un Verdicchio di Matelica riserva ricco di profumi e sapori.

Il suo bouquet aromatico è degno di un Traminer aromatico, con delle spiccate note fruttate e vegetali: ananas, mango, albicocca , pesca percoca, mimosa, glicine, salvia, con note di mandorla e nocciole tostate e intensi soffi minerali rendono la profumosità di questo verdicchio davvero intensa.

All’assaggio è un Verdicchio con una netta componente fresco-sapida, bilanciata da un’ottima morbidezza e da un caldo tenore alcolico.

E’ un vino bianco sicuramente ricco e strutturato che invoglia, con il suo gusto particolare e la sua persistenza gusto-olfattiva, ad assaggiarlo assieme a primi piatti ricchi, strutturati e carichi di profumi e sapori.

Ecco, è un vino che si abbina perfettamente a un ottimo piatto di strozzapreti al sugo di coniglio e tartufo nero.

Di base il Cambrugiano delle Cantine Belisario si sposa splendidamente sia con i piatti di pesce sia con quelli a base di carni bianche: tacchino, pollo, coniglio, lepre.

Pappardelle lepre e porcini ... anche !
Pappardelle lepre e porcini … anche !

E’ un vino però che merita di essere degustato insieme a pietanza dai sapori non troppo delicati: se scegliamo di abbinarlo con un primo piatto, facciamo in modo che il condimento non sia solo a base di verdure.

Ottimo è l’abbinamento che lo vede protagonista in tavola insieme a un bel classico e tipico piatto di lumache in porchetta.

Anche un sugo a base di coniglio o lepre è perfetto nella struttura e nei sapori per accompagnare questo splendido Verdicchio; una spolverata di tartufo nero serve a conferire una maggiore persistenza aromatica e gustativa alla pietanza e lo spiccato sapore di questo tubero si sposa benissimo con i sapori del Cambrugiano che acquista ancora più struttura e persistenza.

Se volete provare il Cambrugiano con del buon pesce, optate per pietanze ricche, cucinate al forno, magari arricchite con speck, pancetta, ciauscolo o prosciutto crudo e un bel contorno di verdure (soprattutto zucchine, patate, funghi champignon e porcini), in grado di sostenere il gusto intenso di questo Verdicchio: un ottimo abbinamento si ottiene ad esempio con degli involtini di pesce spada (o anche rana pescatrice al prosciutto.

Se poi volete abbinarlo a un buon primo di pesce, allora provate pure il Cambrugiano con una pasta con un sugo di pesce spada e pistacchi.

Qualunque abbinamento scegliate tra quelli proposti, il Cambrugiano vi stupirà in ogni caso con la sua incredibile piacevolezza.

 

p.s. Potete trovate il Verdicchio di Matelica Cambrugiano Riserva qui, all’ottimo prezzo di circa 12 Euro.

Sorpresi dal prezzo? Non a caso l’avevo inserito già nella lista dei possibili regali per gli amanti del vino, quindi se dovete fare un regalo … eccolo bell’è pronto;)

Cantine Belisario

Visita alle Cantine Belisario

La degustazione dei vini di Cantine Belisario è una tappa obbligata in una visita nell’area del Verdicchio di Matelica.

È un appuntamento a cui non si può mancare per un paio di ragioni molto semplici: intanto si tratta del maggior produttore di Verdicchio di Matelica, che con oltre il 70% della produzione merita di essere approfondito, e poi perchè se siete fortunati avrete modo di conoscere il Cav. Patrizio Gagliardi, direttore commerciale dell’Azienda Belisario, personaggio storico della città, di cui è stato più volte Sindaco, la cui competenza e gentilezza vi stupiranno.

Cantine Belisario nasce agli inizi degli anni settanta ed è una realtà dinamica e in rapida evoluzione. Una cooperativa che sta cambiando sempre più, per migliorare, controllare e rafforzare il controllo dell’intera filiera produttiva, allo scopo di incrementare la qualità dei loro prodotti. I vigneti su cui lavorano sono di proprietà o spesso si tratta di affitti trentennali, proprio allo scopo di poter contare sempre sui prodotti e definire gli standard produttivi secondo le linee guida aziendali.

Approfondisci

Il Vino perfetto per la Pasta al Pesto

Il Vino perfetto per la Pasta al Pesto Genovese

Il Bacco - Fattoria Coroncino
Il Bacco – Fattoria Coroncino

Mi faccio perdonare questa lunga assenza dalle amate pagine vinose con un post su uno dei miei Verdicchi preferiti, un Verdicchio che ho tardato a recensire poiché aspettavo di degustarlo nuovamente nella sua ultima annata.

Ebbene anche con il nuovo ultimo assaggio, il Verdicchio il Bacco della Fattoria Coroncino non si smentisce, mantenendo intatte le sue deliziose qualità principali.

Un Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore che può sposarsi con tantissime pietanze ma con una in particolare produce vere scintille in abbinamento: la pasta con il Pesto Genovese.

Un abbinamento cibo vino affatto semplice ma che, con il Bacco, riesce splendidamente.

Quindi, se siete amanti del delizioso pesto alla Genovese e non vedete l’ora di prepararne e mangiarne un piatto, vi consiglio di conoscere più da vicino il Bacco … vi basta leggere oltre!

 

Il Vino perfetto per la Pasta al Pesto Genovese: il Verdicchio il Bacco della Fattoria Coroncino

Scoperto un po’ per caso e preso non solo per amore dell’ottimo Verdicchio dei Castelli di Jesi ma anche per la splendida etichetta, è un vino che ha lasciato subito il segno.

Il Bacco della Fattoria Coroncino è un Verdicchio Classico superiore davvero intenso ed equilibrato in tutti i suoi piacevoli aspetti.

I profumi sono decisamente improntati su note di frutta dolce ed esotica: ananas, pesca gialla, mango compongono un bouquet decisamente fresco e vellutato. La parte aromatica floreale è ugualmente presente con profumi di mimosa, acacia e camomilla cui seguono intense note vegetali di salvia e maggiorana.

All’assaggio è incredibilmente fresco, sapido e morbido, riuscendo a mettere in evidenza tutti i suoi profumi e il suo gusto piacevolmente salino.

Per il suo equilibrio, la sua morbidezza, la sua aromaticità e persistenza non è strano che riesca ad abbinarsi così bene con un piatto saporito come delle bavette al Pesto Genovese: una pietanza carica di gusto ma ricca anche di elementi dotati di una certa pungenza e tendenza amarognola.

Pasta al Pesto Genovese
Pasta al Pesto Genovese

Ebbene, con il Bacco non si corre assolutamente il rischio di mettere troppo in evidenza queste asprezze così gradevoli nella pietanza: il gusto ne viene piacevolmente accompagnato ed esaltato con la giusta delicatezza.

Il Bacco però non è un Verdicchio dei Castelli di Jesi che si abbina solo con la pasta al pesto! Come i Verdicchi in generale è un vino che si sposa molto bene con le pietanze a base di pesce.

Considerando la ricchezza gustativa del Bacco, lo abbinerei molto bene con dei secondi a base di pesce e crostacei, preparati al forno e arricchiti da salse e contorni di verdure.

Ad esempio un delizioso branzino al forno con patate sta benissimo con il Bacco, così come un trancio di spada al forno con pistacchi! Se si vuole rimanere sui primi piatti, risultati splendidi si ottengono anche abbinando questo Verdicchio con una Carbonare di Mare.

Sicuramente non è un Verdicchio in grado di rendere giustizia ai crudi di pesce o a dei semplici antipasti di mare: con il suo bouquet penetrante e la sua ricchezza gustativa rischierebbe di soffocarne i sapori e quindi tutta la loro delicata piacevolezza.

Un Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore che non tradisce mai, annata per annata, con la sua qualità e il suo gusto delizioso, da abbinare a paste saporite (se usate un sugo di carne, che sia bianca, mi raccomando!) e a secondi di pesce riccamente cucinati al forno.

Ve lo consiglio assolutamente … quello di oggi è un Verdicchio e un abbinamento davvero da non perdere, anche perché un ulteriore stupefacente qualità di questo vino è l’ottimo prezzo: solo 8,50 Euro.

E non aggiungo altro … bevetelo ! Ancora meglio se insieme a delle bavette al pesto 😉

 

p.s. Se poi avete ancora dubbi su potenziali abbinamenti, leggete pure qui i consigli dedicati proprio al Verdicchio dei Castelli di Jesi